Crimini Contro L’Umanità: Parte Terza

novembre 30, 2009

Rieccoci puntuali con la classifica delle peggiori schifezze che Hollywood ci ha propinato in questi lunghi anni. E noi sempre, imperterriti, convinti come dei fresconi pronti a berci di tutto e di più al grido di “È impossibile che sia brutto! Il fumetto è bellissimo!” Pagherete caro, pagherete tutto. Pronti per la terza manche? C’abbiamo anche l’intervistato di pregio. Roba forte.
Entriamo nel vivo della Top Ten con le posizioni dalla 9 alla 7.

9 – Hulk, Ang Lee, 2003

09

Ang Lee, ovvero il più cialtrone dei registi americani. Un uomo capace di passare dal western con cantanti white trash al wu xia. Dal melò al dramma familiare. Dalla ricostruzione storica ammiccante al supereroistico. Sempre però con grandi pretese di autorialità e spocchia a vanvera tipo che ti guarda dall’alto in basso con la sua pipa in radica e fa il figo e invece è un gran babbeo. A totale digiuno di una qualsiasi passione per la nona arte, Ang Lee si limita a dare il contentino a noi “poveri sfigati lettori di fumetti” inserendo un paio di split screen a caso per poi dire nelle interviste cose come “fotogramma frammentato come le tavoile di quelle robe lì dove c’era Hulk… i fumetti”. Ma vai a lavorare, vah… In realtà non ha nessun interesse nei confronti di Hulk e trasforma il tutto in una “personale” quanto noiosa storia di rapporti difficili tra padri e figli. Con una sequenza di impostazione teatrale tra Eric Bana e Nick Nolte da ritiro della patente. Il duello finale ricorda Dragonball, e non è un bene. La sequenza in cui il Gigante di Giada combatte contro dei barboncini giganti, mutati geneticamente, per poi nascondersi tra le fresche frasche e spiare Betty Ross con la faccia di Shrek, beh… è una di quelle cose che non si dimenticano facilmente. Ang Lee… Sappi che hai tutto il nostro disprezzo.

Attore di pregio che qui rischia la fine della sua carriera
DOPPIO! Nick Nolte & Sam Elliott

8 – Devil, Mark Steven Johnson, 2003

08

Non bastava aver girato l’intero film come se fosse un brutto video hip-hop, ma, come al solito, ci vengono regalate anche brillanti riletture e “modernizzazioni” di personaggi fondamentali. Tralasciando il massacro del Kingpin, Bullseye ci viene conciato così:

Ma si! Sarebbe stato poco credibile con una tutina blu! Meglio vestirlo come qualcuno che frequenta locali Goth (nonostante l’età avanzata) e che darebbe fastidio a tutte le cameriere. Ora, sappiamo benissimo che Bullseye non andrebbe mai in giro con quella giacca e che conficcherrebbe una forchetta in mezzo agli occhi a chiunque si sorregga la fibia della cintura in quella maniera o abbia anelli al pollice. Ed io, che sono una persona di tutto rispetto, mi fido del senso estetico di Bullseye.

Ah! Film che si macchia anche del crimine di aver regalato il successo agli Evanescence, presenti con una loro hit nella colonna sonora. Bisogna aggiungere altro?

Attore di pregio che qui rischia la fine della sua carriera:
Kevin Smith

7 – Fantastic Four, Tim Story, 2005

07

Intervista al Dr Doom.
Estate 2005

Intervistatore: Quindi la sua storia andrà sul grande schermo..
Dr Doom: Già.
Intervistatore:Quale grande attore farà la sua parte?
Dr Doom:…. Julian Mc Mahon
Intervistatore: Chi?
Dr Doom
: Quello di Nip &..
Intervistatore: Il chirurgo zozzone?
Dr Doom
: E’ un uomo elegante e di bell’aspetto…
Intervistatore: Ma non è Australiano?
Dr Doom: è Australiano.
Intervistatore: Se penso a Latveria non penso ad un Australiano
Dr Doom: E’ un bell’uomo ed un bravo attore.
Intervistatore:Il chirurgo zozzone?
Dr Doom
: Si lui…
Intervistatore: A proposito di Latveria. Dove sono state girate le scene ambientate a Latveria?
Dr Doom
:Ecco… non c’è Latveria.
Intervistatore: Non c’è Latveria?
Dr Doom: NO
Intervistatore: E da dove verrebbe lei?
Dr Doom:
Intervistatore: Dall’Australia?
Dr Doom:
Intervistatore: E di cosa è re?
Dr Doom: Ecco, c’è da dire che non…
Intervistatore: Sta scherzando?
Dr Doom: Sono un uomo molto facoltoso! Molto.
Intervistatore: Sei una specie di Donald Trump?
Dr Doom: Mi dia del lei.
Intervistatore: Quindi non c’è Latveria, nè un reame?
Dr Doom: Un attore bravo e di bell’aspetto, già. E la prima stagione di Nip & Tuck è bella.
Intervistatore: Mi scusi, ma dopo l’aver tentato di salvare l’anima di sua madre dagli inferi, rimanendo sfigurato, e il consecutivo addestramento in Tibet, dove diventerà gran Maestro ed acquisirà l’armatura, come ha fatto poi a diventare milionario?
Dr Doom: Bhe.. come dire, sarebbe stato troppo complicato… quindi ehm…la storia di mia madre non c’è ed il Tibet bhe..
Intervistatore: L’armatura?
Dr Doom: Ehm..non è esattamente un armatura, sarebbe la mia….pelle.
Intervistatore: Un australiano di ferro?
Dr Doom: Non mi piace il suo tono
Intervistatore: E per quale motivo avrebbe la pelle di ferro?
Dr Doom: Praticamente ero su una navicella spaziale..
Intervistatore: Dove?!
Dr Doom: E questi raggi ci colpiscono..
Intervistatore: Ci? Era con gli FQ? Ma…
Dr Doom: Oh insomma sono un magnate viziato, spocchioso e antipatico. Mi piace quella patata della Jessica Alba, ma a quella piace di più Mr. Fantastic. Mi girano tantissimo per questa cosa, perdo anche dei soldi e divento cattivo e di metallo?Ok?
Intervistatore: Ci sono i DoomBot?
Dr Doom: Se ne vada, e lasci questo triste Re sul suo freddo trono.

Attore di pregio che qui rischia la fine della sua carriera:
Stan Lee

Parte 1: dalla posizione 15 alla 13

Parte 2: dalla 12 alla 10

Adriano & Fede MC

Annunci

Batman RIP

novembre 28, 2009

Devo ammettere subito che Grant Morrison  forse è il mio autore di fumetti preferito, e devo anche subito dire che io adoro il Batman, probabilmente è il mio eroe preferito e uno dei punti fermi della mia infanzia, più del calcetto e dei panini. Era destino che i due si incontrassero prima o poi.

Diciamolo chiaramente:”Batman RIP” è bellissimo.

Non intendo fugari i vostri dubbi: ”  Ma quel RIP? Ma Batman muore sul serio?
Sarà qualcosa di peggiore della morte. Lo dirà il Joker in persona:
joker

Il funerale della tua anima”.  Batman affronterà, forse, la sua più grande sfida.  La domanda non è più “Chi è e perché lo è diventato?” , ma “Chi è? e perché continua ad esserlo?“.

E se l’evento principale della vita di Bruce Wayne non fosse così chiaro come ci è sempre stato raccontato? Se dovessimo mettere tutto in discussione? Se dovessimo prendere in considerazione davvero i 70anni di continuity di Batman, avventure Sci-fi comprese, se davvero l’uomo pipistrello nell’arco dei 15anni della sua “missione” personale avesse vissuto tutte quelle avventure senza far finta che non siano mai avvenute? Batman dovrà essere più forte del suo passato, del suo presente e del suo futuro.

batjokebatjoke2

Morrison fa un lavoro sopraffino recuperando vecchi miti e dandogli una nuova forma smagliante, ma coerente con quella passata, e deliziando i lettori, che siano veri segugi della continuity, semplici appassionati o alle prime armi.
Non mancheranno i colpi di scena, le atmosfere allucinate/allucinanti ed esplosive tipiche dell’autore scozzese.
Si aggiungeranno nuovi tasselli al mosaico delle avventure del crociato incappucciato:
Cosa è il Thogal?
Chi o Cosa c’è dietro il Guanto Nero?
Come sarebbe Gotham se non ci fosse mai stato un Batman?
Cosa sarà di Gotham dopo Batman RIP?
Cosa farà la “famiglia” di Batman? Robin, Nightwing ed il giovane Damian?

Le matite di Tony Daniel fanno il loro dovere,  anche se non approvo il suo Joker, decisamente troppo splatter e “””moderno”””.

Bellissime le copertine di Alex Ross. Ma che ve lo dico a fare?

Una storia con Bat-Mite, due statue di Gargoyles che parlano e elicotteri che esplodono. Oh, cosa volete di più?

Zur – En- Arrh!


Personaggio: Mysterio

novembre 25, 2009

Vi ricordate il film Cocktail? Se lo chiedete a me racconta la storia di uno che a un certo punto dice ceropeduncoli e che poi si fa Elisabet Shue ma quando era più paffutella del dovuto. Se lo chiedete a Barney Stinson – uno che è 10mila volte più awesome di me – vi dirà che è la storia di un tipo estremamente awesome che fa crescere quel babbeo che dice ceropeduncoli. Il tipo in questione è Bryan Brown che siccome che è successo che io non sono una ragazza che è stata innamorata di Tom Cruise alle medie io non nmi ricordo per Cocktail, ma per FX: Effetto Mortale. Che era una mega bomba. E sapete perché? Perché il protagonista faceva un lavoro bellissimo… A leggere la scheda di questa dodicesima collaborazione Latverians/dISPENSER – guess who? – Costantino dellawait for itGherardesca. Che dopo questa performance pare sia stata chiamato per girare la versione italiana del Dr. Horrible Sing A Long Blog.

QUENTIN BECK A.K.A. MYSTERIO

Quentin Beck fa un lavoro bellissimo: realizza effetti speciali per i film di Hollywood. Non solo: è anche un bravissimo illusionista, un valido ipnotista e un discreto armadio, uno di quelli che non si tira indietro di fronte al pericolo. Sfortunatamente, dal punto di vista lavorativo, sono in pochi quelli che credono in lui, e Quentin Beck, anche se molto giovane, entra in una profonda crisi creativa. Lascia quindi il suo posto, ma un uomo con un curriculum del genere non può starsene a lungo con le mani in mano. Decide di dedicarsi al crimine a tempo pieno, con il nome di Mysterio. Pur non possedendo nessun potere vero e proprio, Mysterio riesce in poco tempo – con dei colpi fantasiosi ed estremamente ben congeniati – a farsi un nome nell’ambiente. Sarà anche per il suo costume particolarmente azzeccato – una tutina aderente verde con un bel mantello blu e una specie di boccia per i pesci sulla testa – ma il suo successo nel settore è tale che viene chiamato a fare parte dei Sinistri Sei, una team scelto di supercriminali. Dopo l’entusiasmo inziale però, i suoi ben più perfidi “colleghi” perdono fiducia in lui e da lì a poco cominciano addirittura a deriderlo. Il suo acerrimo nemico, l’Uomo Ragno, lo consegna alle forze dell’ordine un numero imprecisato di volte e il nostro comincia ad apparire a tutti come un triste cattivo di serie B. Ormai vecchio, dopo l’ennesimo soggiorno dietro le sbarre, scopre di essere malato terminale di cancro. Decide di andarsene in maniera spettacolare e comincia a progetta di uccidere la sua nemesi. Ironia della sorte, l’Uomo Ragno non si trova più e Quentin si vede costretto a cambiare l’oggetto del suo odio. Ripega su Devil ed escogita un piano che definire folle è riduttivo. Fallito anche questo suo ultimo colpo di coda, Quentin Beck decide di farla finita. Per sua stessa ammissione, incapace di un solo gesto originale, copia anche il modo di sucidarsi: decide di sparars in testa come Kraven Il Cacciatore.

BONUS: Un video NON su Ray Mysterio! No 6 1 9!


Punisher, ovvero come divertirsi col presente guardando le scure nubi del futuro

novembre 24, 2009

Torno nuovamente a parlare del Punitore, vera e propria presenza fissa tra le mie letture recenti, ma non posso farci niente se stanno pubblicando una bella dose di materiale su Frank Castle, se non comprarla, leggerla e parlarvene.
“Punisher” è la nuova serie regolare dedicata a questo simpatico mattacchione di cui vengono proposte le prime cinque storie in un albo ora in edicola.
Davvero non comprereste qualcosa con questa copertina?

Ma non è solo la copertina a farne una proposta più che buona: Le storie scritte dal giovane e molto promettente Rick Remender si collegano con l’attuale continuità (ossia il “Dark reign di Norman Osborn), e niente hanno a che fare con le saghe di Garth Ennis (lo stesso Remender risponde abbastanza piccato quando si fanno paragoni, ma del resto come dargli torto?).
Il primo pregio sono i disegni di Jerome Opena, moderni, oscuri, perfetti per narrare queste gesta di Frank Castle.

Il secondo pregio è la nuova spalla informatica del Punitore. Un pischello che vive in una topaia tra poster dei Black Flag e dei Bad Brains. Come fare a non farselo risultare simpatico?
Questa è la sua cameretta:

e questo è il modo in cui aiuta Frank Castle a liberarsi di Hyde:

del resto è noto un po’ a tutti che i supercattivi odiano lo speed-metal, ascoltano i grandi successi di Mal dei Primitives e si commuovono con Omar Codazzi.

Nota negativa è invece Hood, ma qua Remender può farci poco o niente. La trasformazione narrativa del personaggio, dal carismatico sfigato che si trova causalmente con dei superpoteri della miniserie di Vaughan e Hotz (ormai lontano e piacevole ricordo), al cattivissimo cattivone senza scrupoli pronto a tutto per i soldoni e amichetto del cuore del tenero Dormammu (sempre se per voi questo demoniazzo orrendo è lo stesso Dormammu con cui si prendeva a sberloni mistici il Dr.Strange negli anni sessanta, e non un cattivo da videogame dell’xbox), è ormai cosa nota, colpa che ricade, tanto per cambiare, unicamente sulle spalle di Bendis, perché a sminuire grandi personaggi come ci riesce lui ci riescono in pochi.

Una lettura più che piacevole e divertente quindi, capace di approfittare in maniera più che positiva dell’attuale situazione dell’universo Marvel, ma che viene oscurata da una nefasta luce proveniente dal mondo del domani. Niente profezie Inca, niente visioni soprannaturali, niente messaggi dal futuro, semplicemente un’anteprima su internet:

Non sembra anche a voi che tiri aria di MASTODONTICA CAGATA?
Non sentite come un inquietante senso di deja-vu?
Non vi ricorda il periodo più buio e disgustoso del Punitore?


Police and super-thieves in the streets (Oh yeeeeeah!)

novembre 24, 2009

Zack era un supercriminale noto come Zack Sterminio. Dopo la morte del fratello Xander, suo compare di bisbocce e devianza, e una grave ferita viene catturato, diventa un pentito e viene inserito nel programma di protezione testimoni.
Solo che a fare la vita d’ufficio Zack non è che se la passi benissimo. Il mestiere dell’archivista che timbra il cartellino e va a casa stanco morto a fine giornata gli sta stretto anche se è più che consapevole che questa copertura gli sta salvando la pellaccia, quindi inizia a drogarsi come un punkabbestia e… che ve lo devo raccontare tutto questo primo volume di “Incognito” appena pubblicato? Non vi basta questo a capire che l’ennesima serie a firma Ed Brubaker è l’ennesima figata?

Renee è una sbirra bella tosta, così come tutti i suoi compagni di dipartimento, costretti a svolgere il loro lavoro nell’oscurità di un’ombra più che ingombrante, non è facile essere in polizia a Ghotam city. Eppure la squadra costruita da Jim Gordon ci prova in tutte le maniere a fare il suo lavoro, ad essere decisiva, e non è detto che nella loro semplciità non ci riescano. Eroi più umani dell’eroe umano che però ha una barcata di soldi e un addestramento pazzesco.
“Ghotam Central – Servire e proteggere” è uscito in volume in bel po’ di tempo fa, ma uno non può comprare tutto, quindi fate come me e colmate la lacuna.

Ed è uno sceneggiatore, che ha vinto un bel po’ di premi, ha una marea di lettori appassionati, ha messo Devil in galera, ha fatto schiattare Capitan America imbastendo una trama perfetta per anni, tanto che la Civil war non è stata così determinante nell’amara conclusione della vita di Steve Rogers.
Brubaker è, almeno per quanto mi riguarda, il miglior sceneggiatore di fumetto seriale degli ultimi anni, e infatti è l’unico che mi fa aspettare con ansia di sapere come le storie andranno avanti, che mi fa attendere in trepidante attesa di scoprire, ad esempio, cosa succederà ad Iron fist.

Questi due volumi sono due perfetti esempi della sua bravura, capaci di coniugare i due generi in cui questo autore spicca rispetto ai colleghi: trame supereroistiche fitte di colpi di scena e il noir più antico capace però di creare atmosfere uniche.
I nomi stessi dei personaggi di “Incognito” hanno un sapore di tempi andati, di età dell’innocenza del fumetto, non solo i fratelli Sterminio, ma anche Morte nera o Ava Distruzione. Una storia complessa e ben articolata nel suo ritmo frenetico che cattura dalla prima all’ultima pagina.

Anche “Gotham central – Servire e proteggere ” come ritmo non scherza, scritta a quattro mani con un ottimo Greg Rucka, la serie si stabilisce su binari più canonici e seguendo il registro proprio del poliziesco classico. Nonostante le sue sporadiche apparizioni la presenza di Batman si avverte per buona parte delle storie, in cui però agisce solo da comprimario, pur rivelandosi sempre un perfetto deus ex machina narrativo. Molto più presenti invece i supercattivi più carismatici di Gotham, del resto molto del fascino di questa serie sta proprio nella sua capacità di mostrare come l’uomo comune mosso da ideali di giustizia si possa scontrare con gente come Mr.Freeze, il Joker, Due facce o Firebug.

Due meraviglie fumettistiche moderne quindi, fatele vostre.


Crimini Contro L’umanità: Parte Seconda

novembre 23, 2009

Abbiamo cominciato settimana scorsa una lunga e dolorosa discesa negli inferi delle produzione cinematografiche a soggetto supereroistico. Insomma, i film brutti tratti dai fumetti. Se volete scoprire quanto si può cadere in basso, continuate a leggere e puppatevi un’escalation di terrore dalla posizione numero 12 alla 10. Oddio che ansia.

12 The Punisher, Jonathan Hensleigh, 2004

12

Qualcuno si ricorda il vecchio film sul Punitore con Dolph Lundgren senza manco il teschio sulla maglia? Dai, quello che in italiano non si sa per quale motivo è uscito con il titolo Il Vendicatore… C’è anche una sequenza dove si vede un telegiornale, un anchorman che parla di tale Vendicatore e dietro di lui c’è una scritta gigante: Punisher… No, per dire l’accurataggine con cui era fatto… Eh? Ve lo ricordate? Eh? Era brutto… Ma questo è peggio. Si prende un altro biondo (Thomas Jane) lo si tinge di nero, gli si mette un teschio sul vestito (almeno quello…) e poi si fa di tutto per rovinare la saga Bentornato, Frank, quella di Ennis e Dillon. E tra un pezzo dei Nickelback e uno del chitarrista degli Evanescence, ce la si fa alla grande. Ad uscirne peggio di tutti è proprio il Punitore, qui snaturato in ogni sua caratteristica, soprattutto – diciamo così – “psicologica”. John Travolta, nella parte del cattivo, è semplicemente deprimente. Per la cronaca l’ultimo film dedicato al personaggio, The Punisher War Zone, massacrato ovunque dalla critica e da noi uscito direttamente in dvd, non è per niente male. Cioè, a confronto sembra un film di Orson Welles e a questo ci straspezza la schiena. Non a caso si è dovuti ripartire da zero… Per farvi capire quante cazzate si possono dire in un film, vediamo come ce li cava a spiegare tutto quello che muove Frank Castle nella sua vendetta cieca e senza fine in soli 32 fottutissimi secondi.

Attore di pregio che qui mette a rischio la sua carriera:
Roy Scheider (R.I.P.)

11 X-Men le origini – Wolverine, Gavin Hood, 2009

11

Diciamolo subito, hanno fatto un brutto casino con Deadpool. Un bruttissimo casino. Non è nemmeno un film discreto in cui han fatto un bruttissimo casino con Deadpool, oppure un film che raggiunge a mala pena la sufficenza in cui han fatto un bruttissimo casino con Deadpool, no, è un grosso film di merda in cui han fatto un bruttissimo casino con Deadpool. E dire che dietro c’è la penna del romanziere/sceneggiatore de la 25esima ora di Spike Lee. Al famoso monologo di Norton davanti lo specchio andrebbe aggiunto “Fanculo te! Sceneggiatore, produttore, regista di Hollywood che quando si ritrova ad dover fare un film sui Super Eroi, invece di attingere da quelle migliaia di ottime storie, si inventa cazzate dal nulla, rovinandomi la giornata ed il mio megasecchio di popcorn”

Perchè diamine Deadpool assomiglia a Voldemort sotto steroidi con un giochino della settimana enigmistica sul petto? Perchè?
deadpool-mask

(Girano voci sul fatto che in un probabile Wolverine 2 o spin-off su Deadpool si scoprirà che il pelato di cui sopra non sia in realtà Wide Wilson)

Attore di pregio che qui mette a rischio la sua carriera:
Danny Huston

10 The Spirit, Frank Miller, 2008

10

La totale e definitiva perdita di credibilità per un uomo che per un certo periodo è stato nei nostri cuori… come dire: la conferma della fine di Frank Miller passa sicuramente attraverso questo film. Dopo essere stato incoronato dal grande Will Eisner come suo successore e custode dei segreti della non arte, Miller è riuscito a scontentare chiunque facendo trasparire per altro anche una certa cattiva fede. In barba a qualsiasi rispetto per la fonte originale, al personaggio The Spirit viene applicato in laboratorio il trattamento Sin City (vi ricordate? Si può fare lo stesso anche a Charlie Brown) . Il risultato si commenta da solo. Se già il passaggio da carta stampata a grande schermo era stata non priva di difetti per Marv e compagni, figuriamoci in questo caso. Dopo dieci minuti passa la voglia di vivere anche al più entusiasta degli spettatori e l’idea di una possibile uscita in sala di Sin City 2 e Sin City 3 mette paura. Deligato… Fortunatamente non è piaciuto praticamente a nessuno per cui forse Frank Miller per un po’ la smetterà di essere definito un Autore visionario. Ma ne dubito.

Attore di pregio che qui mette a rischio la sua carriera:
Samuel L. Jackson.

Parte 1: dalla 15 alla 13

Adriano & FEDEmc


Personaggi: Mindworm

novembre 18, 2009

Non solo ci interessiamo delle fidanzatine dei nostri supereoi, come già è capitato con Karen Page settimana scorsa e Alicia Masters qualche tempo fa, ma nel nostro immenso cuore c’è posto anche per dei villain tutt’altro che cool. Quest’oggi ci addentriamo nella vita di uno dei più tragici e tristi antagonisti di sempre. A leggere la scheda, che potete auscultare qui sotto con un semplice e deciso clic, Costantino della Gherardesca, che pare – da voci di corridoio piuttosto fondate – dopo queste performances, sia stato contattato per andare ad affiancare Henry Rollins sui palchi di mezzo mondo per parlare di pettinature brutte per uomini. Al solito, se volete sentire queste schede live, sintonizzatevi su dISPENSER. Evviva la vita, dite no alla droga, il vero sballo è dire “a settimana prossima”.

WILLIAM TURNER AKA MINDWORM

Cliccare per ascoltare in streaming…

Se è vero che è un supereroe risulta più interessante quanto più viene mostrato come debole e comune, Mindworm – pur essendo un personaggio che definire marginale è poco – è un raro esempio di figura melodrammatica e infelice. William Turner, questo il suo vero nome, è veramente “un supereroe con dei superproblemi”. Non un paladino della giustizia in costume che ogni tanto ha qualche problema a pagare le rate dell’affitto, ma un vero e proprio reietto della società. Un ubriacone senza fissa dimora. Nato con un’intelligenza e un cervello fuori dal comune, fatica a nascondere quest’ultimo nella sua scatola cranica, che ha dimensioni abnormi. Macrocefalo, viene deriso ed emarginato in giovane età dai suoi coetanei. Le cose peggiorano quando scopre di possedere dei poteri psichici: controlla la volontà delle persone e riesce a fargli fare quello che desidera. Così facendo però, assorbe loro energia vitale e li indebolisce. La situazione degenera coi suoi genitori, che William involontariamente prosciuga fino alla morte. Sconvolto dall’impossibilità di contenere i suoi poteri, comincia un lento ma inesorabile distacco dalla società. Sull’orlo della pazzia, viene sfruttato dai peggiori criminali della città per i loro loschi piani. Per sfuggire alle maglie del crimine e al suo “dono”, si auto imprigiona in uno squallido condominio, dove però scopre di non poter fare a meno di assecondare la sua inesauribile fame di potere: praticamente in astinenza di energia vitale, comincia a nutrirsi come un parassita dei suoi inconsapevoli vicini. Fortunatamente per loro, senza mai arrivare al punto di ucciderli. Dopo una impari lotta con L’Uomo Ragno, che lo consegna senza alcuna fatica alla polizia, il povero Mindworm entra in una profonda crisi di coscienza. Una volta uscito di prigione, per non cedere più alla sua dipendenza – ai suoi poteri – comincia a bere e si isola completamente dalla società. Diventa uno dei tanti homless di New York. E come molti di loro, durante una notte, viene brutalmente ucciso da una gang di strada.

BONUS! L’Hobo più figo fel mondo con una tre corde e una Mississippi Drum Machine…