dicembre 24, 2010

Anche quest anno, buone feste da Latverians!

Annunci

Nell’attesa della meraviglia

dicembre 16, 2010

Sapete cosa vuol dire avere un libro che si vuole leggere con un’ansia pazzesca sul comodino e non poterlo fare? Per motivi che non starò a spiegarvi ho tenuto per quasi un mese la mia copia de “Il progetto marvels” senza poterlo leggere.
E vi assicuro che ne avevo una voglia pazzesca, per svariati motivi tra cui ne spiccano due: mi affascinano sempre le storie che riguardano la rilettura dei fumetti di un tempo fatta attraverso i meccanismi e gli stilemi attuali; dopo quella cagata di Reborn, nonostante l’ottima continuazione della serie di Capitan America avevo proprio bisogno di rivalutare definitivamente Ed Brubaker ai miei occhi di fanboy.

“Il progetto marvels” riesce in entrambe le cose, è un’opera completa, entusiasmante, energica. Mischia alla perfezione gli elementi hard-boyled tanti cari all’autore con i supereroi, così come era già successo nello splendido “Incognito” ma con molta più verve. I disegni di Steve Epting rendono il tutto ancora più preciso, gradevole e dinamico dando così vita a uno dei migliori fumetti degli ultimi tempi.

Sinceramente mi chiedevo, con tutte le rivisitazioni degli eroi classici che bisogno ci fosse di questa storie, e invece mi sono trovato davanti a un’opera scritta con mente ferma e il cuore a mille, non solo per quanto riguarda le ottime parti su Cap, Namor, Nick Fury, la Torcia e Toro (e se la continuity con la recente opera di Ross e Carey non c’è che importa quando ci si trova tra le mani qualcosa di così meraviglioso?) ma anche per il ripescaggio dell’Angelo, voce narrante del racconto o di John Steele, eroi persi nel tempo che qua trovano il loro posto senza bisogno di essere macchiette.

Fate vostro questo volume, è una meraviglia, e anche se dovrete attendere per leggerlo non fatevi scoraggiare, ne vale totalmente la pena, anche solo per poter riabbracciare Brubaker e pensare che Reborn sia sono un pessimo ricordo, un incidente di percorso più che trascurabile.