Requiem por el magnifico tradutor

Un giorno, fra tanti anni, noi fumettofili ricorderemo l’epoca in cui la produzione dc comics era proposta in Italia da Planeta de Agostini.
Perché ce ne siamo lamentati più volte, tante volte, ma la planeta de agostini non solo ha pubblicato tantissimo materiale, ma ha anche ristampato parecchie cose ormai introvabili.
E forse queste scelte sono state un po’ un suicidio.

Da gennaio 2012 Batman, Superman e la sezione otto saranno pubblicati da tale Rw di cui avremo tutto il tempo di lamentarci.
Oggi piangiamo la fine di un’epoca e più che altro l’addio a un personaggio che volenti o nolenti abbiamo amato e odiato per parecchio tempo: il terribile El magnifico Tradutor!

Quante volte leggendo i vostri giornalini a fumetti del cuore vi siete incazzati come cani durante i fuochi d’artificio per la marea di refusi presenti sulle pubblicazioni planeta? Le frasi lasciate in spagnolo, i verbi a cazzo di cane, gli errori di ortografia a volte anche spassosi… un giorno tutto ciò ci mancherà.
Ammetto che ero arrivato al punto che a volte leggendo gli albi e i libri della planeta li aspettavo, per scriverci qualche gag su queste pagine, o semplicemente per lamentarmi che “porca troia 20 euro per sta roba ed è pure tradotta col culo!”.
Mi mancherà tutto questo. Davvero.

El magnifico tradutor alla fine era uno di noi, sconfitto dal mercato, dalla crisi, dalla concorrenza, dalle borse, da qualche supereoe coi baffoni bevisangria e mangiapaella. Oppure è venuto in Ersamus per imparare per davvero la lingua sul campo. A noi non è dato saperlo.

Restiamo in attesa, chiniamo il capo e addio magnifico tradutor, o arriverderci. Stasera brinderemo per te, magari rivivendo alcuni grandi momenti della tua carriera come hanno fatto su Cus.

7 risposte a Requiem por el magnifico tradutor

  1. roba brutta, veramente.
    Non so quale sarà la linea editoriale della RW ma di sicuro non vedremo ristampare Creeper tanto facilmente.
    Fiondatevi sui volumi editi finora perchè c’è veramente roba che non rivedremo mai più amici!

  2. NN scrive:

    Ovviamente non posso espormi più di tanto per motivi legali, ma sono uno dei pochi traduttori pro e competenti che traducevano per la PdA/MP e che se ne sono andati quando i pagamenti già scarsi hanno cominciato a non arrivare del tutto. Lo so che facendo così abbiamo lasciato spazio traduttorio ai peracottari, ma non potevamo fare altro per una questione di dignità.
    Detto questo, non aspettatevi miglioramenti, perché le tariffe della RW sono *ancora più basse* di quelle della PdA/MP. I peracottari torneranno, peggio di prima.

    • Grazie mille della testimonianza!
      Come sempre ormai si cambia sempre in peggio.
      Buona fortuna a te e ai tuoi colleghi.

      • hipurforderai scrive:

        prima di tutto mi aggiungo al mio collega qua sopra nel dirti grazie nell’augurarti un in bocca al lupo.

        beh le traduzioni mp non erano mica male, infatti alcune son state riutilizzate dalla planeta senza toccarle minimamente.
        per quanto riguarda la planeta io mi son sempre chiesto se ci voleva tanto a far tradurr sempre in italia e con compentenza.
        ma gli spangoli lavorano a cazzo di cane per un tozzo di pane rimicamente parlando?

  3. miguel scrive:

    Io tra le chicche vorrei ricordare (nei primi numeri della ristampa del Superman di Byrne): “Manowar” tradotto come “La guerra di Manò” e l’istituto per non vedenti dove però tutti parlavano con il linguaggio dei segni.
    A distanza di anni ancora non mi capacito come, alla fine della storia, il traduttore non si sia chiesto “Ma chi minchia sarà poi sto Manò?!”

  4. […] Giusto poco tempo fa vi raccontavamo della possibile fine del regno sgrammaticato del magnifico tradutor col passaggio dei diritti dc comics dalla planeta de agostini a tale lion/rw/quel che è che non ci ho capito moltissimo. Avevamo anche un pochetto di tristezza però per la possibile scomparsa dalle fumetterie dell’ottima proposta di ristampe fatta dalla casa editrice spagnola. Ecco invece le pubblicazioni annunciate per dicembre: Debutta la LION con la prosecuzione delle serie Planeta e 5 numeri 0 imperdibili !!!!! […]

  5. guttolo scrive:

    E come dimenticare copertine tipo quella di American Splendor, “Un altre giorno”?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: