Esami di recupero #5 – Molecole instabili

molecoleSe ieri per “Saga” sono stato molto criptico (ma penso che quella frase in caps basti e avanzi), vedrò di essere più spiegato per il fumetto più bello letto in questi mesi di assenza, ossia il meraviglioso “Molecole instabili”.

L’opera scritta da James Sturm, che finalmente vede la luce in Italia in un imperdibile volume (prima era stata solo infilata in un improponibile tomo gigante totalmente fuori contesto), immagina che quando quei due grand’uomini di Stan Lee e Jack Kirby crearono i fantastici 4 l’ispirazione gli fosse arrivata da persone realmente esistenti, raccontando così la vita ovviamente fittizia di questi quattro personaggi dispersi nella provincia americana degli anni cinquanta, tra guerra fredda, sconforto, perbenismo e gli inizi delle prime controculture.

Tutto tranne che un fumetto di supereroi, piuttosto un’opera sui legami che si creano e si rompono tra le persone, un capolavoro inquieto e lancinante. In queste pagine i poteri lasciano il posto a fragili sentimenti, al dolore e allo sconforto, ma anche alla presa di coscienza di un uomo tradito ma consapevole che sono proprio le piccole gioie e le sofferenze causate dai sentimenti a muovere il mondo.

“Molecole instabili” se non fosse per i bellissimi disegni di Guy Davis potrebbe essere uno dei capolavori di Richard Yeats o un racconto di Carver, un quadro della provincia americana degli anni 50 e dei suoi abitanti che porta a drammatiche considerazioni sull’esistenza, sull’ipocrisia e sul significato dei rapporti, anche quando questi portano sul bordo del dirupo della depressione. In questo fumetto l’autore non ha alcuna pietà per i suoi protagonisti, che di fantastico hanno ben poco. Persone normali con le loro meraviglie e le loro bassezze..

Se per una volta vi andasse di leggere qualcosa di supereroistico che di supereroistico non ha nulla, ma che potrebbe facilmente lasciarvi senza fiato per la sua crudele bellezza, non fatevi scappare questo volume che vale ogni centesimo che costa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: