Cose belle del 2017 #3: T.Coates/B.Stelfreeze – Pantera nera vol.2 La banda

banda1Mi cospargo il capo di cenere e faccio subito ammenda: su Pantera nera sono terribilmente ignorante. Il problema è che da giovincello il personaggio non solo non aveva moltissimo spazio nelle storie che leggevo, ma anche quando c’era non mi scatenava molto entusiasmo con i suoi pippozzi tecnologici e la sua nazione da primi della classe. Anche col passare degli anni è un personaggio che non ho mai recuperato più di tanto.

Nel 2016 leggendo i fiumi di inchiostro che incensavano la nuova serie sceneggiata dal giornalista, scrittore e paladino dei diritti civili Ta-Nehisi Coates ho comprato e letto il primo volume. Bello, interessante, ma la sua intricata trama fantapolitica mi aveva lasciato abbastanza freddino. Ci ho pensato un po’ prima di cimentarmi con il suo seguito e sbagliavo, perché quando finalmente si fa più forte l’azione, la serie (che già non era male) impenna e sfreccia che è una meraviglia pur mantenendo tutto il suo spessore contenutistico.

Se nel primo volume infatti conoscevamo la rivolta che stava straziando il Wakanda e tutti i dubbi, le paure e le debolezze che affliggevano il suo re col costume da pantera nera e gli abitanti della sua nazione, nella seconda parte si arriva ai fatti. T’challa messo alle strette chiama un paio di amici, la banda del titolo, formando un estemporaneo gruppo di supereroi di colore che lo aiuteranno a ridimensionare i capi-rivoluzionari che sfruttano i dubbi del suo popolo per insediarne il trono. Tra questi troviamo un frizzantissimo e azzimato Luke Cage col panciotto, o l’ex moglie Tempesta, ma a essere protagonista è un’azione serrata e una narrazione velocissima che vanno a concretizzare le trame imbastite nel volume precedente.

banda3

Il colpo da maestro di Coates infatti è quello di rendere non solo interessante, ma anche divertente, una complessa riflessione politica sul ruolo del sovrano-governo, sulla democrazia, sulle radici degli stati e su come sia l’autorità che il popolo possono interpretare al giorno d’oggi il “contratto sociale”, su cosa succede quando i cittadini non credono più a chi dovrebbe comandarli e non ne hanno più fiducia. Quale modo migliore di affrontare argomenti tanto difficili se non con una storia che finalmente ha la giusta dose di cazzotti?

Coates prende il medium fumetto supereroistico seriale e lo trasforma in un tavolo di discussione sociale e politica riuscendo a non perdere di vista il fattore intrattenimento, ed è un risultato miracoloso.

Annunci

One Response to Cose belle del 2017 #3: T.Coates/B.Stelfreeze – Pantera nera vol.2 La banda

  1. […] fare una pellicola simile senza parlare di politica, del resto Pantera nera è sempre stato (e oggi forse lo è ancora di più) il supertizio marvel che insieme a Capitan America permetteva ai suoi autori un maggior impegno […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: