Sarà pure buono, ma questo non è il mio Punitore

gennaio 23, 2018

punisher-netflix-1Ragazzi, che fatica!

Finire di vedere tutta la serie tv del punitore è stata veramente una sudata. Non un vero e proprio martirio come guardarsi tutto “Iron Fist” e “The defenders”, che erano delle cagate pazzesche noiosissime, ma comunque una discreta fatica.

Certo, le cose buone ci sono. Jon Bernthal è bravo e ce la mette tutta. Sa che dopo un po’ di ottimi ruoli da comprimario questo è il suo turno di essere protagonista con un personaggio ganzo e ci si mette di buzzo buono, e ha quella faccia li di quei tizi che fanno brutto sugli autobus di periferia che non ci devi incrociare lo sguardo, ma questo non basta. Davvero, bravo Jon, e tranquillo che non è colpa tua se “the punisher” m’ha fatto sbadigliare e addormentare un po’ di volte (c’è un’intera puntata girata in un seminterrato con Castle e Microchip che parlano che è una palla immonda. Davvero, avevo più tensione addosso in coda alle poste).

Il problema della storia di questo Punisher è proprio la storia stessa, o meglio le storie che vorrebbe raccontare, a partire dal pippone sulla sindrome post-traumatica del ragazzino che dorme in una buca e che capisci dalla prima inquadratura che combinerà un casino, pippone che non solo viene chiuso malissimo, ma che nulla leva o aggiunge alla storia del personaggio Frank Castle e al suo modo di porsi. Ancora peggio è il modo in cui viene affrontato il personaggio Punitore.

punisher-netflix-2Mi spiego: da quando conosco il personaggio l’ho adorato per un motivo: è un pazzo. Castle ha le origini più cattive dell’universo fumettistico, è un povero cristo sopravvissuto per puro caso a un evento tanto casuale quanto dettato dalla peggior sfiga che s’è visto crepare di fianco moglie e figli, e, per quanto in “Born” Ennis ci abbia raccontato che Castle era già uno svalvolato in Vietnam, reagisce a questo evento in quello che vede nell’unico modo possibile: impazzisce del tutto e inizia ad ammazzare criminali random in modi divertenti per noi lettori. E basta, nessun intrigo, nessuna congiura, niente se non sfiga -> esplosione di follia, e va benissimo così.

Quello del Castle fumettistico è un lento, sfrenato, pazzo, suicidio. Certo, il Punitore porta sempre a casa la pelle, ma semplicemente perché nella sua testa avrà sempre gente cattiva da sparacchiare, accoltellare o pestare a sangue, e questa è la sua unica motivazione e tutto ciò che lo tiene in vita.

Nella serie tv questo non c’è. C’è una congiura che porta all’omicidio di tutta la sua famiglia, ci sono cattivi legati da vincoli emotivi al Punitore. E tutto questo va a uccidermi la “magia” del personaggio. Il Castle interpretato da Bernthal è molto incazzato, ma non è pazzo, e il finale di stagione ne è la terribile prova.

punisher-netflix-3Certo, quei rari momenti di violenza, che per vederli veri e propri devi aspettare l’episodio 12 (quindi sopportare 11 ore di discorsi e chiacchiere veramente inutili quando non ammorbanti), o di sparatorie (molto bella quella nel bosco), sono pure ben fatti a differenza della dozzinalità di un Iron fist, ma non mi fanno promuovere questa baracconata malriuscita, facendomi preferire ancora come incarnazione del Punitore quella data da “Punisher War Zone”.

Tralasciando il fastidiosissimo restyling fatto a Microchip a partire dalla sua insopportabile famiglia, o la storiella iniziale sui muratori, potrei anche passare sopra a tutto questo discorso sulla motivazione della crociata del Punitore, non più frutto di una cattivissima sorte ma di una macchinazione politico-militare, se non fosse che di sua spontanea volontà Castle lascia viva una preda, quindi senza che siano intervenute forze esterne (un supereroe cagacazzi, un povero innocente da salvare…) il Punitore non punisce in una scena chiave della serie un personaggio che per quasi tredici puntate (uguale tredici ore, meglio ricordarlo) doveva essere oggetto di una brutta, bruttissima morte, solo per avere un cattivo ganzo per la stagione 2, e tutto il discorso va a rotoli, e allora si è vista una serie thriller tamarra e noiosa ma con qualche elemento positivo, ma non un buon punitore, non un buon mio punitore.

Annunci

Ho visto le prime due puntate di Iron fist su Netflix…

aprile 3, 2017

ifDOVE

CAZZO

SONO

LE

BOTTE

???


Ma davvero è così bello questo bel film di Wolverine?

marzo 16, 2017

loganTendenzialmente un buon cronista o recensore dovrebbe, prima di scrivere un articolo, andare a documentarsi su ogni possibile informazione riguardi l’argomento di ciò su cui sta per scrivere qualcosa, cosa che io ovviamente non faccio, non essendo ne buono, ne cronista, ne recensore.

Ci ho pensato più di una settimana se valeva la pena di scrivere o meno qualcosa su “Logan”, ve ne sarete accorti che non sono particolarmente prolifico in questi mesi. Il problema è che non è possibile parlare di questo film senza fare riferimento alle due precedenti pellicole dedicate al buon vecchio Wolverine.

Il buon recensore di cui sopra sarebbe andato a rivedersi i film, magari recuperando i dvd con contenuti extra e informazioni e quant’altro, cosa che io non mi sogno minimamente di fare, quindi ne parlerò per come me li ricordo.

“X-men le origini – Wolverine” uscì al cinema nel 2009, non lo andai a vedere in sala, ma venni attirato da un amico che “oh, l’ho già trovato su *nome di peer2peer a caso* ci risparmiamo i soldi” e quindi lo guardammo assieme sul divano con le birrette e le sigarette con l’idea che se poi era particolarmente figo e spettacolare saremmo andati anche al cinema.

Logan_1

tipo così

Il film era una bella merda, di cui ricordo un uso scriteriato e orribilmente sbagliato di ogni idea sul progetto arma-x, Sabretooth che era un tizio spesso col cappotto, e Deadpool serio (e triste, peggio di quello delle battute che non fanno ridere). Però allo stesso tempo ci divertimmo un sacco perché la versione scaricata dal mio amico doveva avere ancora montati gli effetti speciali, quindi in molte scene c’erano fantocci in 3d al posto degli attori ed esplosioni verdi e altre cose divertentissime. Mai più capitato di vedere un film così, sorpresa migliore di quando cercavi l’ultimo pixar e ti usciva il pornazzone con le vecchie pelose.

Il secondo film, “Wolverine l’immortale” lo non-ricordo ancora peggiore, perché l’ho visto al cinema. Ricordo solo noia, giappone, noia, ninja, noia, katana, stupidi samurai robot giganti, noia… roba da tenersi svegli rovesciandosi pop-corn bollenti nelle mutande.

Poi succede qualcosa, esce il film di “Deadpool” per come andava fatto, ossia stupido, sboccato, violentuzzo, attivo, brillante, e da quelle parti li si danno pacche sulle spalle e dicono “Oh raga, ma fare una cosa simile anche con Wolverine?”. E così esce “Logan”.

Logan_2“Logan” è un bellissimo film se paragonato alle due precedenti pellicole dedicate all’artigliato canadese, è violento, sanguinario, con alcune scene ganzissime, altre meno, particolarmente segnato da una battaglia finale pezzentissima e da un clone di Wolverine veramente senza senso, ma che riesce a catturare un briciolino del carisma che ha fatto del personaggio uno degli assi della Marvel. è la storia di un uomo vecchio e stanco che guida le macchine e che non ne ha più per le palle di farsi i cazzi degli altri (tornerà a farseli ovviamente), che non regge più cambiare i pannolini a quel rompipalle di suo padre (anche se adottivo, lo Xavier rimba è una trovata che spacca), e che vorrebbe quetare dato che sta perdendo anche il suo fattore rigenerante e invece non ci riesce, e quindi via di artigliate in faccia, sangue a palate, incazzamenti vari, corse, salti, sudate, esplosioni e tutto ciò che piace a noi.

Logan_3

FINALMENTE! ❤

I vari parallelismi che ho letto in giro con opere di ben altro spessore (“The road”, “Last of us”… spessore superiore quindi) non centrano una mazza secondo me, e il film non è un capolavoro, ne un gioiello, ne un caposaldo del cinema supereroistico, ma due piacevolissime ore in compagnia di un Wolverine finalmente Wolverine, e non è poco. Ci sono una marea di difetti e di scene pezzenti, ma dopo gli orrori a cui ci avevano abituato e a cui potremmo aggiungere tranquillamente “X-men conflitto finale” e il mio odiatissimo “Giorni di un futuro passato”, tutto ciò è una manna dal cielo. Non rientro quindi tra quelli che stanno urlando al miracolo, ma di certo sono uscito dal cinema soddisfattissimo.

Menzione d’onore a Hugh Jackman, che si trasforma in Mel Gibson e che finalmente può interpretare un Wolverine che soffre su ogni cicatrice, e che ancora meglio può gigioneggiare a dare vita e spessore a un guerriero stanco che ne farebbe volentieri a meno di andare ancora in giro a sventolare artigli, ma che invece gli tocca, e lo fa alla grandissima.

Poi gente, c’è pure il nostro amato Calibano. Io alla fine sono felice.


L’incredibile avventura (di Rover, Red e Charlie)

marzo 6, 2017

rrcVe lo ricordate “L’incredibile avventura”?

Io si, e anche bene, e lo reputo ancora oggi uno dei migliori film di bestiole mai realizzati. So che può sembrare strano aprire questo blog e  questo articolo e leggere di un film simile, o comunque venire a conoscenza che il sottoscritto adora le pellicole con amici pelosi come protagonisti, ma per me “L’incredibile avventura” è una meraviglia.

Per chi ne ignorasse la storia, si tratta di una di quelle produzioni Disney anni sessanta per tutta la famiglia e racconta di due cani e un gatto di casa che credendosi abbandonati dai loro padroni attraversano mezzo Canada per ritrovarli. Il risultato è un bizzarro film on the road con personaggi caratterizzati benissimo (il vecchio cane di casa saggio, il giovane golden retriever e una altezzosa gatta siamese) con momenti di tensione orchestrati in maniera fantastica, particolarmente nello scontro con uno spietato puma delle montagne, o la splendida scena del fiume.

Non mi sono riconglionito, davvero, ma i film con le bestiole mi piacciono da quando ero un infante, e questo l’avrò visto un milione di volte da bambino.

rrc2“Rover, Red, Charlie” è un fumetto invece uscito qualche tempo fa e partorito dalla sempre meravigliosa immaginazione di Garth Ennis, che praticamente riscrive “L’incredibile avventura” senza gatto e ambientandola in un mondo post-apocalittico.

L’umanità infatti di punto in bianco sbrocca male e le persone iniziano a uccidersi tra di loro e a suicidarsi spesso in maniere grottesche fino a una immediata estinzione. In questo scenario troviamo Charlie, un border collie cane guida che non si rassegna alla sparizione degli umani, Rover, un bassethound saggio e realista e Red, un setter stupidotto. Questi tre eroi si ritrovano soli in mezzo al delirio di una New York piena di sangue, fiamme e follia, e decidono di attraversare l’america alla ricerca di sopravvissuti umani.

Ennis non solo mostra tutto l’amore che prova per i nostri amici pelosi, ma fa emozionare e commuovere con un’avventura tanto atipica quanto perfettamente nelle corde delle sue storie più “convenzionali”.

Recuperatelo, che voi amiate i cani o meno ne vale la pena.


Il babbeo del giorno #33 – Extrano

ottobre 12, 2016

Avevamo già parlato del protagonista odierno raccontando le gesta del cocainomane Snowflame, ma mi sembrava giusto approfondire questa orribile parodia imbarazzante del Dottor Strange:

extrano2Nome: Extrano

Vero nome: Gregorio de la Vega

Genesi del personaggi: Dell’infanzia e dell’adolescenza di Extrano sappiamo poco o nulla, e sinceramente non è che ci interessi molto. Sappiamo però che a un certo punto questo mago peruviano viene dotato di veri poteri maggici e inserito a forza nella squadra dei Nuovi guardiani.

Poteri: Maggici.

Aspetto e comportamento: In una esplosione di apertura mentale la Dc comics decide di inserire nel nuovo orribile team un personaggio abbastanza anomalo per gli anni ottanta e potenzialmente avanti sui tempi: un omosessuale.

extranoSarebbe stato tutto molto bello, ma il risultato è semplicemente imbarazzante. Come potete vedere dalle immagini Extrano viene rappresentato in maniera talmente stereotipata da risultare semplicemente avvilente. Ok che è un mago, ma il suo abbigliamento e i suoi modi sarebbero estremi anche per una barzelletta omofoba. Per tutta la sua prima parte di vita editoriale infatti, oltre a mettersi addosso i capi meno eterosessuali in circolazione, il nostro mago va a ricoprire nei Nuovi guardiani anche il ruolo di confidente per i suoi compagni, autonominandosi spesso “La vostra zietta”! Quello che poteva essere un personaggio rivoluzionario, viene così ridotto alla macchietta della “checca molesta” da barzelletta.

Evoluzione: Già ai tempi gli autori del personaggio vennero riempiti di pernacchie dai lettori per questo tizio insopportabile. Gli fecero quindi trovare un teschio magico che  probabilmente conteneva l’incantesimo dell’eterosessualità, così Extrano mise su qualche muscolo e acquisì un costume sempre orribile, ma meno frocio.

La malattia e la fine: Extrano e i suoi compagni si scontrarono con un supercattivo chiamato Hemogoblin: Un vampiro con l’aids con la tutina sadomaso.

extrano3Conoscete la vecchia battuta?

Due amici si incontrano: “Sai ho comprato l’animale più pericolo del mondo”, “Ah si, e cos’è?” “Un pitbull con l’aids” “C’è qualcuno di molto più pericoloso” “E sarebbe?” “Quello che l’aids gliel’ha attaccata!”

Fa ridere? Beh, Hemogoblin mi ricorda questa vecchia battuta.

Comunque successivamente allo scontro con Hemogoblin si scopre che Extrano ha l’aids, ma non ci è dato capire se gliel’ha attaccato il vampiro dell’hiv o se già ce l’aveva prima per i suoi gusti sessuali sbarazzini. In pratica han calcato talmente tanto sullo stereotipo che sono finiti dall’altra parte.

Extrano sparisce insieme ai suoi inutili compagni dall’universo Dc grazie a un colpo di spugna, ma sinceramente non se ne sente la mancanza, tanto che nonostante sia stato lui il primo supereroe dichiaratamente omosessuale, questo primato viene sempre dato al marvelliano Northstar, e se qualcuno obbietta che prima c’era stato questo mago sudamericano gay e sieropositivo tutti si tappano le orecchie e scuotono la testa urlando.

Se questo articolo o Extrano vi hanno offeso, se avete dei problemi di cuore, o anche solo qualche dubbio ditelo pure a zietta:

extrano-2


Menopeggio Suicide squad

settembre 27, 2016

0-suicide-squad-recensioneChe poi non si dica che da ste parti si parla solo di film e serie tv marvel (anche se è praticamente vero), un mesetto fa ho visto nelle sale “Suicide Squad”.

Ora, fare  peggio di “Man of steel” era difficile, anche se possiamo dire che “Batman vs Superman” ha saputo farsi valere sul piano dei film orrendi. Mi basta pensare che passati due o tre giorni dalla visione dello scontro fra i due pezzi da novanta della dc tutto quello che ricordavo del film era così elencabile:

1-Ci sta Batman che è incazzato con Superman (un po’ come il 99,9999% della critica mondiale) perché nello scontro alieno narrato in “Man of Steel” ha scassato mezzo continente incurante dei millemila civili portati al decesso.

2-Ci sta Lex Luthor che è un tizio pazzerello incazzato con Superman perché il film precedente era una cagata.

3-Prima i due supereroi si rattellano e poi si alleano contro un mostrone incazzato.

4-Si pongono le basi per la Justice League.

5-Gal Gadot figa!

E direi basta.

Il trailer di “Suicide squad” però mi avevano galvanizzato e quindi sono corso al cinema pieno di presobenismo. E diciamo che il film non è una porcheria come i due citati prima, ma nemmeno il filmissimo che mi risolleva l’universo dc cinematografico.

I punti positivi del film sono evidenti dopo pochi minuti: Margot suicide-squad-trailer-1Robbie non sono è una sgnacchera da esposizione, ma è pure brava brava in modo assurdo a portare sullo schermo una matta come Harley Quinn senza cadere nel facile macchiettismo e praticamente si porta a spasso la pellicola per tutta la sua durata.

Sono buoni i comprimari (su tutti Boomerang) e la reale cattiva del film, una cattiveria vera e rara in un film che pur con il suo involucro di “sgradevolezza e cattiveria” nasconde al suo interno il più classico dei prodotti per ragazzini a prova di genitore incazzato.

I lati negativi invece sono due: il primo è che è scritto col culo, ma male male male proprio. La squadra viene creata e mandata in giro a fare macelli seguendo una logica totalmente illogica, viene lanciata contro a un mostro imbattibile nonostante i suoi membri non abbiano assolutamente il potere di affrontare una roba simile, ci sono momenti come quello nel bar verso la fine del film che se fossi lo sceneggiatore me ne vergognerei fino alla fine dei miei giorni.

A volerla raccontare la trama infatti è questa: una tizia scaltra del governo vuole creare una supersquadra ricattsuicide2ando dei cattivi galeotti con caratteristiche più o meno cazzute, una situazione che stava gestendo gli sfugge di mano e allora deve mettere in campo questa squadra. Si spara e si mena per due ore nella maggior parte dei casi in via del tutto casuale.

Il secondo punto negativo, e anche peggiore, è il Joker interpretato da Jared Leto. Fa schifo. Sotto ogni punto di vista, schifo. Il Joker gansta che fa le faccette buffe è la cosa peggiore del film. Anche il Deadshot di Will Smith, come prevedibile, è abbastanza insulso, ma il Joker di Leto è veramente terribile, roba che starebbe bene in uno spin off con gli ultimi fantastici quattro.

Nonostante tutto ciò però ammetto una cosa, ossia che nei momenti senza Joker e in cui tralasciavo lo svolgersi prevalentemente casuale degli eventi, mi sono divertito. Non tantissimo, ma divertito e svagato per quelle due orette e qualcosa, e non annoiato a morte come con “Batman Vs Superman”. Quindi va bene così.


Agents of shield, Ghost rider, pennichelle

settembre 24, 2016

ghost-shieldE così dopo ben tre stagioni, arriva anche in “Agents of Shield” un supereroe conosciuto da più di una manciata di marvel-zombies.

Dopo un inizio segnato da una lunga serie di puntate insulse la serie televisiva dedicata alla squadra dello Shield capitanata da Coulson aveva avuto una gigantesca impennata in seguito ai fatti di “Capitan America – Winter Soldier”, e sinceramente l’ho adorata per le successive due stagioni.

Una grossa pecca della precedente terza stagione però stava nel fatto che veniva presentata con il sottotitolo “Secret warriors” e per tutta la sua durata ho sperato di vedersi formare all’interno dell’apparato dello Shield di una vera e propria squadra di tizi con superpoteri guidati da Quake, ma tutto ciò non è accaduto, si è andato anzi verso una trasformazione dell’eroina in nemico divorata dal rimorso. Nonostante questo però la scorsa stagione mi era piaciuta parecchio, ed ero molto curioso di vedere come sarebbero state portate avanti le nuove storie.

Dopo la svolta spionaggio/spazio/mostro cattivissimo ci troviamo quindi a un nuovo cambio di rotta sul sovrannaturale e all’introduzione di Ghost rider.

Lo spirito della vendetta inserito a calci nel culo nella serie però non è il coattissimo teschio fiammeggiante motociclista che tanto amore riceveva negli anni novanta, ma l’antipaticissimo protagonista della serie recente. “Quella cagata pazzesca sul ragazzino ispanico con la macchina da buzzurro?” Proprio lui signori miei! E mentre spesso e volentieri fumetti splendidi vengono stravolti sullo schermo dando vita a film di merda, qua un fumetto orribile viene praticamente rispettato alla lettera.

ghostriderclipDirei quindi che è abbastanza chiaro come l’arrivo di QUEL Ghost rider non susciti in me molto entusiasmo, anche perchè tra tutti i personaggi Marvel, è quello che vedo meno legato al mondo dello spionaggio delle cose pazze a cui la serie dovrebbe essere ispirata, ma sono una persona di mentalità aperta e quindi concedo ad “Agents of Shield” il beneficio del dubbio, e magari riusciranno a rendere ganzo anche ciò che ganzo non è.

Detto questo in questa prima puntata ho trovato il tutto molto stanco, particolarmente Coulson e gli altri agenti sul campo, che fino ad ora erano stati ottimi protagonisti, sembrano sacrificati a fare da tappezzeria a Quake-fuggiasca-agente per i cazzi suoi fuorilegge e a queste nuove figure di altri mondi e spero di sbagliarmi. Sono curioso invece della sottotrama legata ai nuovi esperimenti sugli androidi, anche perché la robot vista finora ha il viso di Madalena di Galavant, una delle serie televisive che più ho amato negli ultimi anni e che se ve la siete persa vergogna su di voi.

Comunque a metà episodio mi sono addormentato come un grizzly, quindi qualcosa mi sono perso, e questo direi che non gioca molto a favore di questo inizio di stagione.