Forte Invincible! Forti i tizi della Salda press!

febbraio 25, 2014

Invincible_1_saldapress-672x1024Io ai tizi della Salda press li capisco e li approvo. Con i diritti di Walking Dead hanno avuto la mega botta di culo e ora giustamente pubblicano tutto il pubblicabile di Kirkman su cui riescono a mettere le mani, e non lo dico solo perché a me la roba di Kirkman piace.

Arriva così nelle edicole e nelle fumetterie la ristampa di “Invincible”, serie superoistica che narra le gesta di un ragazzetto liceale che scopre di avere dei gran bei poteri ereditati dal babbo, e che inizia ad usarli contro vari cattivoni affiancandosi ad altri supereroi.

Che detta così questa serie non sembra nulla di che, ma Kirkman i fumetti li sa scrivere e anche bene, e così come ha fatto con Walking Dead anche qua riesce nel compito di unire i suoi migliori talenti: una caratterizzazione splendida dei personaggi, trame ultracoinvolgenti e capacità di rielaborazione di tutto quello che gli è passato negli anni sottomano e che si rivela pertinente alla causa. Tutto ciò fa di “Invincible” una lettura da seguire più che assolutamente se si amano i supereroi e le belle storie, e con una proposta mensile come questa e a quel prezzo lasciarsela sfuggire sarebbe un po’ da pazzerelli.

 

Detto questo però, se comprate la versione “bonellide” da edicola di “Walking Dead” già sapete quanto riescono ad essere insulsi e irritanti gli editoriali scritti dai tizi della Salda press, una perfetta unione tra la supponenza (vedi l’attacco gratuito e non troppo velate al recchioniano “Orfani”), l’inutilità (davvero qualche lettore ha partecipato al crowdfounding per un disco di un tizio amico loro – credo- lanciato qualche mese fa?) e il fastidio più totale-globale di leggere quelle enormi puttanate scritte in terza persona. Ormai ammetto che leggo quelle righe solo per vedere quanto riescono a sbocchinarsi da soli e riderci sopra, perché alla fine chi se ne frega, il fumetto è una meraviglia.

Lo stesso vale per “Invincible”, dove a partire dal lancio pubblicitario si è puntato tutto sullo slogan e il concetto di “Tornerete ad amare i fumetti di supereroi” che è d’un fastidioso unico, come se tutti i lettori di fumetti ormai da anni odiassero le varie uscite marvel o dc e avessero bisogno di questo albo per tornare ad apprezzare Batman o Iron man, e parliamo del resto di un fumetto che ha iniziato la sua vita editoriale nel 2002, quindi più di dieci anni fa. Adesso ci troviamo invece in un periodo in cui i tizi in calzamaglia sono quelli che portano il maggior numero di gente al cinema, quindi non sarà certo un’uscita a fumetti come questa a far avvicinare nuova gente al mondo dei nostri eroi con le mutande sopra le braghe.

Peccato che i tizi della Salda Press facciano di tutto per rendersi insopportabili con questi proclami, perché la loro offerta anche se praticamente monotematica è notevole, sia come interesse che come rapporto qualità/prezzo. Che siate infastiditi anche voi, o che ve ne freghi meno di uno a cui non frega un cazzo (che tanto gli editoriali li leggiamo solo noi disgraziati che teniamo due ore di treno al giorno da far passare per andare a lavorare), beh date una possibilità a “Invincible” che è un gran bel fumetto, anche per noi che i supereroi li abbiamo sempre amati e continueremo a farlo a prescindere.

Annunci