Il babbeo del giorno #29 – Snowflame

ottobre 26, 2015

sfAlla facciaccia di Breaking bad nel mondo dei fumetti abbiamo avuto un supercattivo che acquisiva il suo potere in modo alquanto sgarzolino, ed è il protagonista di questo episodio:
Nome: Snowflame (ma andavano bene anche “Gengiva molle” o “Narice di acciaio”)
Vero nome: Sconosciuto. Del resto l’anonimato è il primo requisito per uno che fa il mestiere di Snowflame.
Genesi del personaggio: Snowflame appare per la prima e ultima volta sul finire degli anni ottanta in una storia dei Nuovi guardiani, un gruppo talmente orribile e imbarazzante che meriterebbe una puntata dell’annual del babbeo del giorno. Sempre al passo coi tempi la dc comics creò infatti questo supergruppo composto da persone estratte a cazzo di cane sulla ruota della sfiga da vari paesi del mondo e dotate di poteri non proprio all’ultimo grido. La cosa agghiacciante dei Nuovi guardiani è che quelle che nelle intenzioni degli sceneggiatori (oltretutto Elgelhart, mica il primo rincoglionito che passava negli uffici della casa editrice) dovevano essere caratteristiche ganze attuali sul pezzo e vicine ai ggggiovani lettori arrivano invece a risultati veramente esilaranti: per dire, uno dei personaggi si chiama Extraño ed è un mago ispanico omosessuale con l’AIDS. Un’altra muore perché morsa da un vampiro sempre con l’AIDS. Nonostante la presenza in gruppo dell’Uomo floronico* i Nuovi guardiani erano veramente una chiavica di gruppo.
Torniamo a Snowflame, uno dei primi nemici del supergruppo e protagonista di questa nostra puntata.
Delle sue origini so praticamente nulla, ma il suo potere è alquanto ganzo.

sf2
Poteri: Snowflame è un megatrafficante di droga sudamericano che acquisisce poteri pazzeschi disintegrandosi di cocaina come una belva. In pratica normalmente sarebbe una merdina, poi pippa come un dragone e diventa cazzutissimo. Non sente dolore (grazie al cazzo direte voi), ottiene una forza pazzesca e un’estrema capacità di pavoneggio.
Il nostro quindi approfitta di questa bizzarra qualità per diventare tipo il meglio narcotrafficante del circondario con largo uso di frasi ganzissime che manco Pablo Escobar nei telefilm belli.
sf3Aspetto: Babbo natale tossico discodancer. Spesso circondato da culi e poppe come si conviene a un individuo di tale valore. Figa a grappoli strafatta per il nostro eroe!
La fine: Dopo averle inizialmente buscate i Nuovi Guardiani per formare Snowflame capiscono che l’unico modo è assorbire tutta la sua cocaina. In pratica è come dire che per eliminare la piaga della droga bisogna farsela tutta. C’è del genio in tutto ciò. A quel punto parte un combattimento tra gente disintegrata dalla bonza che finisce col laboratorio di Snowflame che esplode insieme a lui.

*Approfondendo la figura di Snowflame ho scoperto che anche l’Uomo floronico ha avuto un destino simile e bizzarro. Io lo ricordavo come un terrificante (non nel senso di cagoso, nel senso di spaventevole) cattivo di Swamp Thing, e invece in epoca abbastanza recente (una storia di Batman) è diventato tipo un piantone vagante di marijuana sempre rintronatissimo che pensa che il mondo sarebbe un posto meglio se tutti si scassassero di sgazze…RIDERONE!

hqdefault


Marvel Noir: Spiderman

dicembre 23, 2009

Ci sono cose che sanno tutti. Ci sono cose su cui siamo nati imparati. Possiamo non avere vissuto un’epoca, possiamo non saper niente di un dato periodo storico, ma – cialtronescamente – ci sono cose che diamo per scontate. Facciamo degli esempi. Anni Ottanta: edonismo, cocaina, yuppies, Spandau Ballett. Anni Settanta: pantaloni a zampa, freakettoni, quella palla di Joan Beaz, acidi. Tutto chiaro? Facciamo un test. E se vi dicessi… chessò… New York, 1933?

Si vede che è il 1933?

Il giochino è questo. La Casa delle Idee ha appena fatto uscire anche in Italia una nuova collana dal titolo Marvel Noir in cui – pensate l’estro e la fantasia – si riscrivono per l’ennesima volta le origini dei nostri amati supereroi. La prima vittima di questo trattamento è Spider-Man e in cantiere ci sono gli X-Men, Wolverine e Daredevil. Gesù. Io mi immagino delle riunioni in cui il nostro acerrimo nemico Joe Quesada arriva e dice “Oh, oh… ho avuto un’illuminazione! ieri mi è capitato di vedere 5 minuti di un film di John Huston! Fighissimo! C’è della gente troppo giusta nei film di John Huston! Gente con gli impermeabili, con la battuta sempre pronta, i night con le dark ladies e un botto di whisky! Fighissimo! Poi niente… c’era la pubblicità e ho girato… Però secondo me troppo dobbiamo fare un a collana del genere! Eh? Cosa ne dite?“. E la cosa che mi terrorizza è che se Joe Quesada domani vede 5 minuti di – che ne so… – un film su dei nani albini, è capace di ammorbarci la vita su una nuova genesi di Spider-Man diversamente alto e diversamente pigmentato… A parte che il volume in sé si legge facile facile, non impegna e un paio di idee buone le mette insieme… che bisogno c’era? Perché sono scemo e mi compro qualsiasi cazzata io veda in libreria? È colpa mia? Di Quesada? Di questa società capitalistica che mi spinge ad avere tutto per poi fare il bullo con il mio amico Corrado quando viene da me, così ho tanti fumetti da mostrargli? Eh? Comunque… Le penne di David Hine e Fabrice Sapolsky si sono messe a riambientare la storia che già conosciamo, piegandola ai voleri del noir e dell’hard boiled. Ecco quindi una New York post Grande Depressione, in cui la vecchia May Parker è un’attivista politica socialista invisa al padrone della città… il terribile Goblin, aka Norman Osbourne il quale ovviamente spadroneggia grazie a crimine e corruzione. Il giovane Peter Parker – insieme al reporter Ben Urich – dopo aver capito come girano realmente le cose (inserisci qui il tema “corruzione”) deciderà di combattre per il bene e la giustizia. Daranno una mano ai suoi sensi e alle sue capacità fisiche, degli strani ragni nascosti in un antico e misterioso manufatto tipo Voodoo… No, per dire…

Mettiamo tantissimo nero accazzo!

Vi risparmio il resto, anche se vi posso dire che oltre a May, Urich e Goblin ci sono anche Felicia Hardy, Kraven, l’Avvoltoio, Jonah J. Jameson, ecc… L’unico personaggio azzeccato, o che in qualche modo beneficia del dislocamento temporale, è però Ben Urich. La sua corruzione morale e fisica – e il suo conseguente riscatto – sono gli unici elementi che in un contesto così forzato sembrano funzionare. I disegni sono a firma dell’italiano Carmine di Giandomenico già responsabile del brutto Battlin’ Jack Murdock.