Il Babbeo del giorno #11 – Rainbow Raider

maggio 2, 2010

Qui a Latveria la droga è vista malissimo… Il solo possesso di qualche sigaretta spiritosa potrebbe costarti carissimo, tipo la galera e magari, se gli girano, anche delle percosse da parte delle guardie carcerarie! Che paese tremendo a volte la Latveria, siamo sicuri che cose del genere non accadono mica li da voi!

Ciò nonostante noi Latveriani ci facciamo i bong di nascosto nel seminterrato alla faccia dei matusa. E ogni volta allucinazioni immense e pazze risate. Però abbiamo dei limiti, non riusciremmo mai, neanche sotto vari calumet di Pineapple Express, a pensare a un villain così:

Nome: Rainbow Raider, “il cavalcatore di arcobaleni”… Whoa, che botta ragazzi!

Vero nome: Roy G. Bivolo

Genesi del personaggio: The Flash numero 286, 1980. Roy era un ragazzo talentuoso nelle arti visive, un pittore dotato e di gran gusto. Aveva un solo, piccolissimo problema: era completamente, irrimediabilmente daltonico. Quindi le sue opere, benchè eseguite benissimo, risultavano sgradite al pubblico che le trovava composte da colori discordanti e chiassosi. Evidentemente non avevano mai sentito parlare dei Fauves, ‘sti ignovànti! Fatto sta che il giovine rosica di brutto e si gonfia di odio giorno dopo giorno.

Nel frattempo suo padre, un famoso optometrista, lavora incessantemente per curare il figlio ma, affetto da un male incurabile, muore prima di risucirvi. Riesce però a costruire sulla base delle sue ricerche un paio di occhiali capaci di sparare raggi prismatici a varia intensità\densità (?!). Il giovane Roy allora inizia ad usarli per darsi al crimine e, alla faccia delle pie intenzioni di papà buonanima, comincia a rubare opere d’arte: se lui non può godere appieno della bellezza dell’arte nessun altro ne può allora essere degno!

Aspetto: Hum… Tipo Iridella con la muta da sub.

Poteri: Cioè dai suoi occhiali può tipo emettere dei raggi arcobaleno, cioè, un sacco colorati e solidi che può usare come arma o per viaggiargi sopra. Poi praticamente se te li spara addosso può alterare a seconda del colore che ti spara il tuo stato d’animo, cioè un po’ tipo Dark Side of the Moon, capito come? Fooorte.

La fine: la super cattiva Blacksmith nel 2002 lo uccide piantandogli uno dei suoi orribili quadri in petto. E direi che ci sta tutto.

Il ritorno: A sorpresa nel 2009 viene rianimato per far parte dello squadrone delle Lanterne Nere in Notte più profonda”.


Jason is a punk rocker

giugno 30, 2009

Dal primo incontro tra il secondo Robin, il ladruncolo Jason Todd, e Batman nel 1987.

Sul muro un poster dei  Poison Idea, leggiadra band con la fissa di: eroina, sadomasochismo, whiskey e violenza. Ebbravo Jason! Non mi stupisce che sia morto giovane…

jasonidea

"Watch this death wish boy becoming a death wish man"