L’incredibile avventura (di Rover, Red e Charlie)

marzo 6, 2017

rrcVe lo ricordate “L’incredibile avventura”?

Io si, e anche bene, e lo reputo ancora oggi uno dei migliori film di bestiole mai realizzati. So che può sembrare strano aprire questo blog e  questo articolo e leggere di un film simile, o comunque venire a conoscenza che il sottoscritto adora le pellicole con amici pelosi come protagonisti, ma per me “L’incredibile avventura” è una meraviglia.

Per chi ne ignorasse la storia, si tratta di una di quelle produzioni Disney anni sessanta per tutta la famiglia e racconta di due cani e un gatto di casa che credendosi abbandonati dai loro padroni attraversano mezzo Canada per ritrovarli. Il risultato è un bizzarro film on the road con personaggi caratterizzati benissimo (il vecchio cane di casa saggio, il giovane golden retriever e una altezzosa gatta siamese) con momenti di tensione orchestrati in maniera fantastica, particolarmente nello scontro con uno spietato puma delle montagne, o la splendida scena del fiume.

Non mi sono riconglionito, davvero, ma i film con le bestiole mi piacciono da quando ero un infante, e questo l’avrò visto un milione di volte da bambino.

rrc2“Rover, Red, Charlie” è un fumetto invece uscito qualche tempo fa e partorito dalla sempre meravigliosa immaginazione di Garth Ennis, che praticamente riscrive “L’incredibile avventura” senza gatto e ambientandola in un mondo post-apocalittico.

L’umanità infatti di punto in bianco sbrocca male e le persone iniziano a uccidersi tra di loro e a suicidarsi spesso in maniere grottesche fino a una immediata estinzione. In questo scenario troviamo Charlie, un border collie cane guida che non si rassegna alla sparizione degli umani, Rover, un bassethound saggio e realista e Red, un setter stupidotto. Questi tre eroi si ritrovano soli in mezzo al delirio di una New York piena di sangue, fiamme e follia, e decidono di attraversare l’america alla ricerca di sopravvissuti umani.

Ennis non solo mostra tutto l’amore che prova per i nostri amici pelosi, ma fa emozionare e commuovere con un’avventura tanto atipica quanto perfettamente nelle corde delle sue storie più “convenzionali”.

Recuperatelo, che voi amiate i cani o meno ne vale la pena.


E finalmente All star Sezione otto!

settembre 23, 2016

all-star-sezione-ottoNon è passato molto che supplicavo di avere anche in italiano la miniserie del ritorno della Sezione Otto, il supergruppo più ganzo di tutti i tempi uscito dalle pagine di quel capolavoro che è Hitman, e finalmente è arrivato durante l’estate sugli scaffali italiani e ho potuto leggerlo.

Ovviamente non potrete mai sentirmi parlare male di qualcosa legato a quel mondo fumettistico, alle avventure di Sixpack, Saldacani e compagni, però è evidente come Garth Ennis ritiri fuori dal cilindro questi personaggi come semplice divertimento, ma non è possibile fargliene una colpa, del resto quello che aveva da dire su questi personaggi era già stato detto tutto sulle pagine di Hitman. Ennis infatti riusciva in una delle sue magie migliori: prendere una banda di disadattati e farne degli eroi migliori di quelli”istituzionali”.

Ci troviamo quindi davanti a un “ritorno” evidentemente pensato solo ed esclusivamente per gonzare un po’, e se lo si prende per quello che è sarà una lettura con i fiocchi.

Della Sezione Otto originale sono rimasti due membri, il leader Sixpack e il perverso Bueno Excelente, e pur con le nuove leve, ossia il nuovo Saldacani, Viscera (un apparato di organi interni vivente), Grappinoh (un tizio insopportabile il cui potere è avere un rampino), Baytor (l’alieno già presente nella saga di Hitman come barista) e l’uomo utensile (un panzone con un trapano sulla testa) manca pur sempre un ottavo membro. Le varie storie vedono quindi una carrellata di ben noti eroi della Dc entrare in contatto con la Sezione Otto.sezione8gallery1

In pratica Ennis ci ribadisce per l’ennesima volta che i supereroi gli stanno sulle palle e che si diletta nello sfotterli con esiti spesso abbastanza divertenti, particolarmente nelle frecciate al fumetto “intelligente” di certi suoi colleghi.

Volume quindi consigliato a chi può apprezzare il grottesco e caustico umorismo dello sceneggiatore irlandese, particolarmente quando si accanisce sulle figure iconiche dell’universo dc comics, e un graditissimo ritorno per alcuni dei personaggi migliori partoriti dalla sua penna, con un finale capace di dare un bellissimo senso a tutto quanto avrete letto.


Indirizzare l’hype sulla retta via

aprile 8, 2016

Ok gente, sono mesi che aspetto qualche notizia ma resto a bocca asciutta.

Le serie tv marvel di netflix le abbiamo aspettate con ansia, e facevamo bene.

Ormai i cinecomic non fanno più notizia (no, non ho ancora visto batman vs superman e quindi non saprei che dirvi).

Le serie marvel post secret wars si sa che contengono roba interessante, e ce ne sono alcuen tipo quella dedicata alla Visione che mi scimmiano un sacco.

Ma, c’è un enorme MA su una roba che è iniziata a uscire negli Stati Uniti l’estate scorsa e che no dai, davvero, possibile che solo io attendo una sua edizione italiana tipo avvento del messia?

Ovviamente sto parlando di questo:

all-star-section8-01cov

Dai gente, il ritorno della sezione 8 e nessuno ne parla? Ma scherziamo?

A prescindere, sarà sicuramente un capolavoro, ma non me la sento ancora di dover ordinare gli albi in inglese. Indirizziamo quindi tutti le nostre attese spasmodiche verso un’edizione italiana di All star Section 8, deve essere qualcosa di meraviglioso.


Letture di un futuro passato #4 – Hellblazer – La storia del baretto

ottobre 31, 2015

the pubPur essendo un lettore accanito delle avventure di John Constantine raramente queste hanno trovato spazio su queste pagine. Eppure c’è una storia di cui vorrei scrivere da un bel pezzo.
Quella che io chiamo “La storia del baretto” in realtà si intitola “The pub were i was born” e si conclude nel successivo “Love kills”.
Chi non ha avuto un baretto del cuore (o pub che dir si voglia) nella sua vita? Penso nessuno.
Il mio primo baretto lo chiamavamo semplicemente la taverna, era il pub delle prime bevute, delle prime sbronze da appena adolescenti. Era buio, dall’arredo antiquato, e i gestori erano due ragazzi di poco più grandi. Eravamo talmente abituali da arrivare al punto che nella serata di chiusura a volte ci invitavano a casa loro a cena o a sbidonarsi e guardare qualche film. Ho milioni di ricordi della taverna, e non tutti annebbiati dalle birrette. Alcuni tristi a riguardarli con gli occhi di oggi, altri molto felici. A un certo punto i proprietari decisero che non era più il caso di avere una bettola per ragazzini alticci e fecero una ristrutturazione totale globale. L’ultima sera della taverna prendemmo tutti una sbronza colossale che culminò con gente che prendeva a colpi di piccone il caminetto per portarsi a casa un mattone di un posto dove aveva lasciato un pezzo di vita. Quando riaprì era un locale pulito, moderno, senza ciarpame alle pareti o sopra il banco, con la musica giusta che piace ai giovani, e ovviamente non ci mettemmo più piede.
the pub2Capisco quindi pienamente questa storia di Hellblazer, scritta (sembra quasi ovvio visto il tema) da Garth Ennis e disegnata da Will Simpson (che non mi è mai piaciuto più di tanto ma visto il valore di quello di cui stiamo parlando sticazzi), una storia di amore e di un pub. Penso che sia sempre stata vista come un intermezzo, del resto Ennis aveva appena concluso quel capolavoro di “Abitudini pericolose” e si preparava a gettare John Constantine in un nuovo incubo ben più tosto della perdita del suo pub preferito, ma fin dalla prima lettura ho adorato questa storia per l’affetto con cui Ennis la usa per raccontarci il suo luogo, il suo pub.
Nella sua semplicità è una delle più classiche storie di fantasmi e di conti da saldare che ci racconta di una donna che durante la guerra nasce in un pub sotto i bombardamenti, che in quel posto trova l’amore, e che passa la sua vita dietro quel banco, anche quando il marito ormai non c’è più da diversi anni. Il pub però entra nel mirino di una banda di malavitosi e le cose non prendono una bella piega. Interviene così il Constantine più puro e incazzato, quello vendicativo e senza scrupoli a cui tanto bene abbiamo voluto in questi anni.
Non una delle migliori storia di Constantine e nemmeno una delle migliori storie di Ennis, ma dalla prima volta che mi è passata tra le mani non ho mai dimenticato questo gesto di puro e semplice affetto tradotto in fumetto. Trovo praticamente impossibile andare a scegliere una storia di Hellblazer di quelle annate maggiormente degna di articoli e lodi rispetto alle altre, eppure se mi venisse chiesto quale storia di Constantine io preferisca, di sicuro “La storia del baretto” sarebbe uno dei primi titoli a venirmi in mente.


Garth Ennis e le battaglie perse di Nick Fury

aprile 4, 2013

MaxFury1_fid_cover.inddUna stanza d’albergo di infima categoria, un registratore, e un uomo in accappatoio seduto, l’uomo ha una benda sull’occhio e un giorno dirigerà lo Shield. Al suo fianco una bottiglia di champagne e tre puttane che dormono. L’uomo racconta al registratore la sua storia. o meglio, racconta i suoi fallimenti, e i fallimenti di un’intera nazione, la nazione più importante del ventesimo secolo.

Questo è il nuovo Nick Fury di Garth Ennis, e se non l’avete ancora letto, e dopo queste prime righe non avete un istinto feroce a correre nella prima fumetteria a comprarlo mi chiedo come ci siete finiti a leggere questo articolo.
Non è la prima volta che Ennis si cimenta col guercio più famoso dei fumetti, e se al primo tentativo non mi aveva convinto, già raccontandocelo durante la seconda guerra mondiale aveva fatto centro. Nelle storie di questo volume arriviamo alla meraviglia passando dal disastro vietnamita, raccontato come nei migliori film sul tema, al fallimento cubano.
Il Nick Fury che emerge dalle pagine e dai solchi della guerra è il solito duro che si nutre di morti e proiettili, sconfitto, come il suo paese, dai compromessi, dal suo distacco, dalle battutacce da macho che trasudano ganzitudine (meravigliose) che si trasformano in facce sbigottite di fronte all’irreparabile, che sia una battaglia persa o una donna che si allontana.

Acquisto obbligato!


Letture da ombrellone #2 – L’annosa questione dell’opera minore

settembre 26, 2012

Quoto un mio commento al post che ho scritto qualche mese fa su “Superior” (che ho finito di leggere e anche senza essere una pietra miliare della storia del fumetto m’è garbato) per lanciare l’argomento del giorno:

“Eccallà. questo è un punto su cui vorrei arrivare e su cui medito da qualche giorno di scrivere qualcosa.
ci sono fior di autoroni che producono a manetta, spesso cose medie, a volte ciofeche e così via.
penso poi che stia ai singoli lettori apprezzarne alcune a scapito di altre.
stando su millar magari a chi è piaciuto kick ass ha fatto cagarissimo superior.
o andando su ennis qualcuno può aver adorato pro o crossed e disprazzato wormwood o viceversa.”

Con molti sceneggiatori di fumetti viene sempre immediato il collegamento mentale con le loro opere più famose.
Dici Alan Moore e pensi a Watchmen, V for Vendetta, From Hell, con Grant Morrison penso subito a Invisibles o alle sue storie di Batman, Gaiman va a braccetto con Sandman.
Eppure di questi autoroni ci sono una miriade di storie più o meno minori di cui ultimamente si riempiono gli scaffali, e che grazie a qualche acquisto e al banco dell’usato della fumetterie ultimamente ho letto qualche esempio.

Uno dei re delle storie “minori” è Warren Ellis, che particolarmente per la Avatar dà libero sfogo a tutte le sue idee. Tra queste m’è capitato tra le mani “Capitan Swing e i pirati elettrici dell’isola delle braci”, la storia di un tizio che nel 1800 ha degli stivali e altri gadget elettrici che usa per combattere il potere coinvolgendo un gruppo di rivoltosi nella sua lotta. Nella sua leggerezza come spunto non sarebbe nemmeno malvagio, ma lo sviluppo sta a zero. Non che io impazzisca per comprarmi una marea di volumi per leggere una storia, sono ben contento quando il tutto si apre, si svolge e si chiude nel giro di un volume, ma almeno che in quel volume succeda qualcosa per appassionarmi che vada al di là di una stereotipata manfrina rivoluzionaria.
Capita quindi anche ai migliori nell’entusiasmo della miriade di idee che gli girano per la testa di tirare fuori storie incomplete o semplicemente brutte.

Sempre in casa Avatar che dando carta bianca a grandi nomi del fumetti li ha portati anche a pubblicare storie più che trascurabili, troviamo un altro prolificone come Garth Ennis e il suo “Wormwood”, il cui protagonista è uno yuppizzato anticristo che fa tutte le cosacce scorrette che piacciono a Ennis nei fumetti e simili. Alcune trovate son carine, come il Gesù nero e lobotomizzato, così come buone sono parecchie battute a sfondo religioso, ma paragonato a un’opera con un soggetto simile come “Chosen”, scritto da Mark Millar quando era agli inizi o alle meraviglie scritte dallo stesso Ennis con una serie a sfondo religioso come “Preacher”, “Wormwood” pare più una storia raffazzonata usata come pretesto per inserirci dentro una marea di (belle) gag di pessimo gusto in puro stile Garth Ennis. L’ho letto qualche mese fa e se mi chiedete cosa ricordo rispondo il papa che fa le peggio zozzate con le suore e non la storia principale sulla fine del mondo.

Però, proprio come Millar in “Chosen” (che se non si fosse capito per me è splendido), il buon Garth riesce a concretizzare la storia breve. Ne è ottimo esempio “Pride and Joy”, thriller di vendetta e amore paterno che non sarà un capolavorone, ma che è scritto un gran bene, ha i marchi di fabbrica dell’autore (personaggi forti, ricordi di guerra…) e si legge che è un piacere.


La seconda guerra mondiale non passa mai di moda

novembre 24, 2011

Lo ammetto candidamente. Quando ho visto il volume Fury – Peacemaker sugli scaffali della fumetteria ci avrò pensato mezz’ora buona a decidermi a comprarlo.
Mezz’ora in cui ho valutato un enorme pro e un immenso contro. Il pro è che quando Garth Ennis scrive le storie di guerra, particolarmente quando tratta la seconda guerra mondiale, io gongolo e sbavo e salto felice e la gente mi guarda male.
Il gigantesco contro è che quando il buon Garth ha avuto a che fare con il sempre ganzo Nick Fury ha tirato fuori quella cagata pazzesca de “L’uomo che amava la guerra”, una delle peggiori storie lette negli ultimi anni e sicuramente la scemata peggiore partorita dallo sceneggiatore britannico.
Pensa che ti ripensa però alla fine l’ho preso, puntando molto sul pro e considerando che si tratta di uno dei miei autori di fumetti favoriti. E ho fatto un gran bene, perché “Fury peacemaker” è un volume splendido.
Ennis rinuncia alle inutile spacconate e lascia alla storie solo quelle giuste per raccontare un’avventura del buon Nick durante la seconda guerra mondiale, e tutto diventa bellissimo. Dalle sabbie africane dove assistiamo al battesimo del fuoco di Fury arriviamo a complotti nazisti, il tutto tenendosi fedelmente al personaggio raccontando quella che ormai può essere vista come una classica, bellissima storia di guerra di Garth Ennis, ossia piena di onore, colpi di scena e soldati tosti come si conviene.
Aggiungiamo gli ottimi disegni di Derick Robertson e abbiamo un acquisto obbligato, non siate tonti e dubbiosi come me se lo vedete sugli scaffali e fatelo vostro.

Ma non solo Nick Fury e Garth Ennis ci riportano alla seconda guerra mondiale. Fanno lo stesso percorso anche Alex Ross e Christos Gage firmano infatti il ritorno degli Invasori con la terza miniserie dedicata agli eroi della Golden Age, e lo fanno raccontando ai giorni nostri, che tanto gli invasori son praticamente tutti vivi e vegeti e in formissima, gli effetti di un fatto drammatico accaduto durante il conflitto.
Se “La Torcia” era un’ottima miniserie, “Avengers/Invaders” una noiosa storiella, questa “Arrivano gli Invasori” è una storia sufficiente con dei disegni che paiono fatti con lo sputo da quanto son brutti.
Il fatto è che per quanto carina, la trama non m’ha catturato per niente. Hai gli invasori, hai i nazi, hai una specie di mostrone Beholder, e dovrebbero esserci i fuochi d’artificio di Dio in terra. E invece c’è solo un passabile spettacolo pirotecnico.
Una lettura piacevole, che vale i 5 euro e qualcosa che costa, e che viene veramente rovinata dai disegni orribili di tale Caio Reiss.