Old is the new New

aprile 9, 2011

Sotto con le ristampe in casa Marvel Italia. Come già detto la serie migliore come qualità\prezzo, al di fuori di Volumoni\Omnibus\Raccoltone-Archivi di lusso, è la Marvel Collection che con i suoi 4 volumetti alla volta ristampa un periodo particolarmente significativo degli anni 60-70 di qualche personaggio storico. Dopo gli ottimi Capitan America e Thor stavolta escono praticamente all’unisono le collection de “I Vendicatori” e dei Team-Up de “L’Uomo Ragno”. Anche stavolta come per le precedenti due è disponibile l’edizione con cofanetto dalla grafica retrò.

Quello dei Vendicatori poi esce in contemporanea col relativo “Marvel Masterworks: Vendicatori”. Nella Collection invece ci sono gli albi storici scritti da Roy Thomas (che cura anche una lunga e  piacevole introduzione) e anche le prime storie disegnate da John Buscema, la nascita di Ercole e tanto altro. Ovviamente consigliatissimo.

La collection coi Team-Up de “L’Uomo ragno” esce in contemporanea con il terzo volume dei Masterworks dedicati al testa di tela e presenta storie da Marvel Team Up, inedite in Italia dai tempi della  Corno e che sono rimaste fuori dalla Spider Man  Collection della Marvel Italia.

Si tratta di storie spesso uscite per far conoscere al grande pubblico personaggi all’epoca un po’ in ombra,  usando la collaborazione\alleanza (il Team-Up appunto) spesso con l’Uomo Ragno -che era il campione di vendite- in modo da farli beneficiare in popolarità. Sono storie one-shot, nulla per cui strapparsi i capelli e niente di cruciale per la continuity ma sono carine, godibili e con gente come Gil Kane, Sal Buscema e Jim Mooney a fare il loro mestiere con comprimari come Fantastici Quattro, Fratello Voodoo, Panter Nera, Ka-Zar, Pugno d’Acciaio e tantissimi altri tizi in costume.

Diciamo la verità, dal punto di vista del “must-have” è la Marvel Collection ad oggi meno necessaria alle cronologie delle vostre collezioni ma è assolutamente una lettura piacevole, fresca e sintomatica di quegli anni ’70 fumettistici che qui in Latveria ci piace ricordare. Se con questa primavera esplosa di botto volete godervi una sacrosanta lettura spensierata sul prato, acquistate senza remore.

‘Nuff said!


Il martello degli dei

novembre 20, 2010

Prendo in prestito il titolo della biografia dei Led Zeppelin per parlare delle uscite antologiche sul Dio del Tuono che si succedono in edicole e fumetterie in queste settimane.

Ovvero: il Marvel Masterworks e il primo albo della Marvel Collection a Thor dedicata, presto disponibili anche in un comodo pacco regalo. Bello no? Si, è una bella proposta e valgono le stesse considerazioni entusiastiche già fatte mesi fa sulla gemellare Collection di Cap.

L’unico malus, a voler fare i pignoli, non è nell’uscita in se ma nelle storie, a mio avviso. Perchè, se in Capitan America Lee & Kirby partirono subito in quarta, su Thor furono un po’ diesel e partirono un po’ fiacchi su Journey into Mistery per poi salire costantemente ed esplodere con una delle migliori serie della sua epoca, appunto The Might Thor.

Quindi diciamo che per la stessa cifra di soldi che avete speso per il Masterworks e la Collection di Cap avrete un po’ meno storie mozzafiato ma avrete comunque un pezzo di storia del fumetto americano in una versione molto ben curata e ad un costo accessibilissimo.

Su quest’ ultima cosa vorrei porre l’accento: gli albi delle Collection Marvel Italia per 6 euro offrono veramente un rapporto “qualità\quantità\prezzo” raro, una cosa a cui altri, la Planeta in primis, dovrebbero prestare più attenzione.

In conclusione, prendetevelo!


Ultimi consigli per gli acquisti prima delle vacanze.

agosto 6, 2010

Salve amici, vi scrivo dalle ubertose paludi che circondano la Latveria, ove mi trovo in villeggiatura.

Prima che carichiate la station-wagon e partiate per le vacanze volevo segnalarvi due gradevoli volumi che potrebbero fare il loro fra le vostre letture estive, ovvero:

La nuova “Marvel Collection” di Marvel Italia, collana antologica che si prefigge di ristampare grandi cicli classici di vari personaggi, non solo una miniserie ma proprio lunghi periodi editoriali. Ad iniziare, Capitan America del quale, in quattro volumi, verranno pubblicati i cicli degli anni 60-70 ad opera di Kirby, Steranko e compagnia bellissima.

Finalmente han capito che, Planeta docet, esiste un seguito di aficionados del classico che necessita di collane a modo e a partire dalla veste grafica retrò, con tanto di alette di copertina ritagliabili a mò di figurine e retro in stile Corno per annunciare il prossimo numero in edicola (noi di latverians lo abbiamo fatto prima però!) ci consegnano un bel primo volumetto anzichenò.

Le storie in esame sono prevalentemente della saga del teschio Rosso e il Cubo Cosmico, puro Kirby dei migliori -su quanto sia ficherrimo neanche mi ci metto a dirvelo che tanto lo sapete già- e si ricollegano al volume con le origini e prime storie di Cap pubblicati su Marvel Masterworks.

La stampa è buona e la ricolorazione sobria, traduzione e apporto editoriale pertinenti. 144 pagine a 6 euro direi che è un prezzo più che onesto e che mi fa una volta tanto ben sperare. Dovreste trovare i primi 2 volumi al momento!

Per i più esigenti è disponibile anche la versione con cofanetto, molto carino.

L’altro consiglio è la  raccolta “The Spirit-Storie dalla mia città” del Maestro Will Eisner edita da Kappa Edizioni, uscita nel 2009.

Da fan di Eisner e di Spirit mi trovo spesso in difficoltà, oltre che a capire perchè abbiano fatto un film così brutto su di lui, a consigliare cosa comperare ad amici e conoscenti per iniziare.

Essì perchè Eisner è uno di quei mostri sacri che escono praticamente solo in lussuose antologiche in volumi grandi e costosi e il suo Spirit in particolare non è che sia proprio una miniserie one-shot.

Quindi che fare per fornire un agile approccio ad un neofita o amico curioso, che non sia prestargli i tuoi volumi?

Oppure, se volessi portarmi sempre con me tra traslochi, viaggi, latitanza, esili politici, un compatto manabile di Fumetto del vate Eisner, che se non ce l’ho sul comò anche nel Borneo, non dormo?

Ecco quindi questa graziosa antologia, un po’ piccolina come formato, di 160 pagine in bianco & nero, brossurato, copertina con alette, redazionali e note di accompagno, introduzione di Neil Gaiman, raccoglie una dozzina tra le migliori e  più classiche storie del personaggio. Agile e pratica per avere The Spirit sempre con se.

Il prezzo però è fuori di testa: 16 euri. Ahimè.

Detto ciò inforco le estive galosce, mi cosaprgo di petrolio per tenere lontani i letali insetti che svolazzano qua e vado a passeggiare sul bagnasciuga della ridente marana Latveriana. Buone vacanze!