Avengers infinity orgia

aprile 27, 2018

Avengers-Infinity-War-IMAXE così eccoci qua, a vedere su schermo l’orgia cinematografica supereroistica che era nell’aria da anni, e come in ogni orgia ben riuscita il godimento è stato veramente tantissimo.

Se con i primi film, magari ancora con un po’ di timidezza a proporre negli anni 2000 pellicole con protagonisti tizi in calzamaglia dopo tutti gli orrori degli anni novanta, i film della marvel erano avvicinabili al vecchio modo di fare fumetti della casa delle idee, con un Capitan america eroico e tragico nella seconda guerra mondiale, un Thor shakespeariano compassato e immerso in atmosfere da puro Kirby, e un Iron man tanto cazzaro quanto classico, negli anni il gusto del pubblico e il modo di affrontare il cinema marvel si è evoluto tra momenti cazzari e carrozzoni ben costruiti, il tutto fino ad arrivare a questo, a “Infinity war”.

110412650-1b5c8451-db8d-45fc-a8ee-520eba79a497

“Infinity war” non è solo una storia dei vendicatori, il film è un maxievento totale globale come quelli fumettistici degli ultimi anni, cosa che aveva già tentato “Capitan america – Civil war”, ma in cui il buttiamoli tutti dentro era più legato a poche scene che all’intera pellicola. La differenza abissale coi fumetti è che mentre su pagina la marvel ci ha abituato spesso a delle porcherie incredibili in questi megascontri tra supertizi, il nuovo film dei fratelli Russo invece riescono a creare un racconto corale in cui ogni personaggio ha il suo spazio, tutto è ai massimi termini, e il risultato è una meraviglia. Il cinema che supera il fumetto, e chi se lo sarebbe mai aspettato?

Certo, se vi portate in sala qualcuno che non si è guardato praticamente tutti i film precedenti non si godrà pienamente quello che passa su schermo, ma sinceramente, problema loro. Ci sono personaggi magari un po’ sacrificati, ma nonostante lo scarso minutaggio di alcuni di questi come Capitan America o la Vedova nera, ne escono comunque ancora più forti e ben definiti.

A farla da protagonisti sono l’universo cinematografico marvel nella sua interezza e un antagonista che se già era uno dei supercattivi più ganzi mai apparsi nei fumetti, qua diventa vero e proprio mattatore, il Thanos portato su schermo da Brolin è semplicemente perfetto, inquietante, immenso, potente e spaventoso, e allo stesso tempo profondo, non solo una energumeno cattivo cattivo da prendere a sberle, quindi è proprio come doveva essere.

landscape-1522945866-atb3280-v6441112

Le quasi tre ore di film scorrono come birra ghiacciata in una calda sera di luglio, e pur sapendo che la storia andrà avanti il finale è talmente potente da aver sentito più di un “Nuuuuooooo” di disappunto nei regaz presenti in sala magari non abituati a scelte simili fin troppo frequenti nei crossover fumettistici, una conclusione però che penso potrebbe restare nell’immaginario dei giovani spettatori, un momento cinematografico iconico che probabilmente finora non avevano (e che potrebbe essere pragonato come forza a quello a cui credo abbiamo pensato un po’ tutti noi che ce la viaggiamo intorno ai quaranta uscendo dal cinema).

Grazie marvel, davvero di cuore.


Considerazioni sparse successive alla lettura del primo numero di “Infinity”

aprile 2, 2014

8a7d6088e3d03147699ae84580f07a70_XLNormalmente aspetto la fine dei vari maxieventi per parlarne, gettando normalmente quintalate di merda su questi blockbusteroni fumettistici, che negli ultimi anni hanno fatto abbastanza pena.

Altre volte non ne parlo proprio, spesso perché non li ho nemmeno finiti di leggere, come quella porcheria allucinante di “Age of Ultron”, che ci ho provato, ma l’ho trovato talmente insulso, sconclusionato, scritto da bestia e confusionario che avrei da scrivere solo “non ci ho capito un cazzo, e quel poco che ci ho capito mi ha fatto cagare”. Una saga con un cattivo supermegafichissimo come Ultron che si concentra invece su viaggi nel tempo caotici e che mi hanno provocato come unica reazione una raffica di “machissenefotte”.

Ho già perso troppo tempo a scrivere quanto “Age of Ultron” abbia fatto schifo, ma del resto non penso di essere l’unico ad essersene accorto, tanto che il nuovo maxievento invece di attendere un paio di mesi se non almeno un annetto è già sugli scaffali, e dalla lettura del primo numero questo “Infinity” è una storia di tuttaltra pasta.

 

Prima di parlarne però metto le mani avanti. Dall’avvento di Marvel Now, come già scritto su queste pagine, ho praticamente abbandonato tutte le letture vendicative (e non solo). Quindi di tutti questi nuovi volti tra i vendicatori non ne so praticamente nulla. Ma nonostante questo mi sono perso pochissimo della lettura di questo primo albo, e questo già è un megapunto a favore. Se bastano quelle poche righe a introduzione dell’albo a farmi capire chi diavolo sia questa gente senza rovinarmi la lettura siamo sulla buonissima strada.

 

Arriviamo quindi a “Infinity”, che ho comprato a scatola chiusa per i seguenti motivi:

1-      Finalmente torna una saga cosmica con protagonisti gli eroi più ganzi.

2-      L’ha scritta Hickman, che è uno bravo.

3-      L’antagonista è uno dei cattivi più ganzi di sempre nella storia dei fumetti (e non solo), ossia Thanos.

Mi sono bastate queste tre considerazioni, e dopo la lettura del primo albo che va a gettare le basi di un doppio conflitto spaziale di proporzioni sconsiderate non posso che essere appagato dalla mia scelta. Parliamo di una mera introduzione, ma che è stato un piacere leggere. Magari sarò un povero illuso, ma ho ottime aspettative per le prossime uscite.

 

alimentazione siciliana poco credibile

alimentazione siciliana poco credibile

Detto questo arriviamo al momento gag dell’albo. All’inizio Capitan America e Occhio di falco vengono mandati a Palermo per catturare dei sospetti Skrull. Quando arrivano nella città siciliana sfondano una porta e ci trovano quattro tizi che si smezzano una pizza, usano un congegno e rivelano la loro natura aliena. Io non so quanto Hickman conosca l’Italia, ma Cap e soci non avevano alcun bisogno di usare un qualsiasi marchingegno per smascherare gli ospiti indesiderati: Quattro siciliani che si dividono un’unica misera pizzetta? Ma quando mai? Su quel tavolo avrebbero dovuto esserci tonnellate di arancini, sfincione, pani ca meusa e la stigghiola, panelle…