In memoria di un bellimbusto

gennaio 27, 2011

Come contraddirlo...

 

Era forte Johnny Storm.

Un po’ uno stronzetto arrogante con quelle spider roboanti sempre in cerca di figa e a fare a gara.

Ma era forte J.S.. Era quel compagno di scuola che odi ma segretamente vorresti essere almeno per un mesetto nella tua vita.

Di sicuro era necessario un bellimbusto così in un gruppo in cui due sono genitori pallosi che se la spassano poco e un altro è un freak irascibile spesso preso male. Non aveva neanche un potere originale J.S., aveva il potere di uno prima di lui – addirittura con lo stesso nome- e lo stesso potere di un ragazzetto chiamato Toro, decenni prima che Johnny nascesse. Ma a noi ci fregava poco che non fosse così speciale, era lo scavezzacollo di cui il team aveva bisogno, di cui i fan avevano bisogno.

Ciao Johnny, ciao wingman ideale! Ci saluta un icona di tempi lieti per adeguarci -giustamente, che cosa dovremmo fare- a tempi lividi. Ci lascia una sana, ridanciana , eroica sbruffoneria per adeguarci a un mondo di consapevole, ricercata, narcisista arroganza. Ci saluta e ci lascia a chiederci: “Per quanto tempo ancora dovremmo sopportare sua sorella”?

Fiamma!