Batman Reborn

luglio 10, 2010

Mentre il caro Bruce oltreoceano fa ritorno dalla morte (dai che lo sapevate) qui in Italì il buon Dick Grayson prende definitivamente il posto del suo mentore.
L’inizio di questo nuovo ciclo del crociato incappucciato  è stato affidato al duo di star presenti in casa DC: Morrison & Quitely. Ci troviamo in buone mani direi. 

Dopo aver partorito quel gioiellino di All Star Superman (dove Quitely tocca il suo apice assoluto) il dinamico duo si è messo a lavoro per regalarci un nuovo Uomo Pipistrello, un nuovo Robin e un nuovo nemico (pure ‘na nuova Bat-Mobile, non richiesta, ma grazie lo stesso). 
Sin dalle prime pagine, oltre ad il bell’omaggio ad il Vento fra i salici si nota subito quale sarà il punto focale su cui poggerà tutto questo ciclo: Damian/Robin deve risultare uno dei bambini (10 anni!) più odiosi della storia del fumetto.
Io personalmente non vedo l’ora che un villain stile Franzoni gli schiacci la grossa testa contro il muro. 

Risultare insopportabili da pagina 2

Per quanto riguarda il resto: i nuovi cattivi sono fighi, la Bat Mobile è un po’ bruttina però vola (lascio ai segugi della continuity scoprire se abbia mai spiccato il volo prima) e Dick, come prevedibile,  dimessi i panni di Nightwing soffre il peso dell’eredità: 

Prima legge dei Super Eroi: Super Eroe seduto = Super Eroe triste

 No, sul serio, è  insopportabile: 

"Ho una testa enorme"